11.8 C
Verona
28 Febbraio 2024
Est Veronese In evidenza Spettacoli & cultura Spettacoli & cultura ultimaora

Monteforte d’Alpone, stasera il premio “Grappolo d’Oro Clivus”

quirico-clivus

È Marino Bartoletti, famoso giornalista sportivo della carta stampata e televisiva, nonché scrittore di successo, il vincitore 2017 del Premio Giornalistico “Grappolo d’Oro Clivus”, ideato da Cantina di Monteforte e dal Gruppo sportivo Valdalpone De Megni (fondatore ed organizzatore della maratona “Montefortiana”).

Lo ha deciso nei giorni scorsi il Comitato dei Garanti del premio, composto dal presidente Delio Vicentini e da Giovanni Pressi (presidente del Gruppo sportivo dilettantistico Valdalpone De Megni), Sandro Brandiele (consigliere del Gsd Valdalpone De Megni) e Gianluigi Pasetto (segretario del Valdalpone De Megni).

Prima di lui sono stati insigniti del Premio Grappolo d’Oro Clivus: Maurizio Belpiero, già direttore di “Libero” e oggi conduttore su Rete 4 della trasmissione “Dalla vostra parte” (2016);  Domenico Quirico, giornalista ed inviato di guerra de “La Stampa” (2015); Andy Luotto, attore e conduttore televisivo (2014); Mario Giordano, oggi direttore del Tg4, Mediaset (2013); Massimo de’ Manzoni, vicedirettore vicario di “Libero” (2012); Gerardo Greco, conduttore di Agorà, programma di approfondimento di Rai Tre (2011); Mauro Mazza, già direttore di Rai Uno (2010).

La consegna del premio avverrà venerdì 30 giugno alle 19 nella splendida cornice del chiostro medievale di Monteforte d’Alpone. Bortoletti verrà intervistato dal giornalista e scrittore Silvino Gonzato sul tema “Etica e competizione”. A premiarlo, invece, saranno il presidente ed il direttore di Cantina di Monteforte, Massimino Stizzoli e Gaetano Tobin, assieme al presidente della Gruppo sportivo Valdalpone De Megni, Giovanni Pressi.

«Il Premio Grappolo d’Oro Clivus – sottolinea Gaetano Tobin, direttore generale di Cantina di Monteforte – è un appuntamento al quale siamo molto affezionati perché rappresenta  una sintesi ideale tra eccellenze enologiche del territorio, qualità della vita, benessere e quindi sport. Quest’anno sono particolarmente felice perché il premio va ad un uomo che ha raccontato e valorizzato l’attività sportiva nelle sue molteplici forme, dal calcio alle olimpiadi, dalla maratona al motociclismo».

Condividi con:

Articoli Correlati

Colognola ai Colli, Matteo ricevuto da Zaia: «Insegniamo il primo soccorso nelle scuole»

massimo

Legnago, al Salieri “Il Paese delle Favole a Rovescio” di Rodari per il Teatro Famiglie

massimo

Verona, al Ristori la grande danza internazionale con la Compagnia newyorkese “YY Dance Company”

massimo

Verona, alla Libreria Pagina Dodici la presentazione del libro di Spadaccia sul Partito Radicale

massimo

Incontro su sicurezza, accoglienza migranti, Protezione civile tra il prefetto e 18 sindaci dell’Est Veronese

massimo

Verona, partorisce prima del tempo in casa: mamma e bambino in gravi condizioni

massimo