6.3 C
Verona
29 Novembre 2020
Cronaca In evidenza ultimaora

‘Ndrangheta nel Veronese, il sindaco Sboarina: «Le attività mafiose sono corpi estranei della nostra società»

«Il Dna dei veneti e dei veronesi è fatto di onestà e laboriosità. Le attività mafiose sono corpi estranei della nostra società che qui non devono attecchire. Per questo non abbassiamo mai la guardia e oggi è il giorno della gioia e dei complimenti alla Dda di Venezia e ai Carabinieri di Padova e di Verona». L'ha detto il sindaco di Verona, Federico Sboarina, congratulandosi per gli esiti dell’operazione Taurus contro l'Ndrangheta, che stamattina ha portato all’arresto di 33 persone, alcune delle quali a Sommacampagna dove i Ros dicono che famiglie ndranghetiste sono presenti dal 1981, e con oltre 100 gli avvisi di garanzia.

«Con l'operazione conclusa oggi è stato inferto un duro colpo alla 'ndrangheta, facendo piazza pulita di un sistema malavitoso – ha proseguito Sboarina -. Anche a Verona abbiamo alzato muri di cemento armato perchè il nostro tessuto economico è sano e sa stare nel libero mercato per i propri meriti. Non vogliamo soggetti che inquinano le regole soprattutto adesso che nel post Covid la crisi di liquidità rende più vulnerabili le aziende».

Articoli Correlati

Calcio Serie C: pari del Legnago in casa della Sambenedettese

massimo

Legnago, i tamponi confermano: nessun positivo alla casa di riposo

massimo

Bovolone, ordinanza del sindaco riapre il mercato settimanale

massimo

Verona, nuovo impianto di illuminazione a Led per il palasport Agsm Forum

massimo

Legnago, domani l’accensione dell’albero di Natale in piazza Garibaldi

massimo

Misure antiCovid, Zaia annuncia la riapertura al sabato dei negozi di medie e grandi dimensioni

massimo