17.5 C
Verona
29 Maggio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Negrar, minorenne arrestato nell’indagine sulla baby gang che terrorizzava Verona

Sono proseguite le indagini condotte dai carabinieri della stazione di Verona principale, in ordine ai noti due episodi occorsi lo scorso gennaio in pieno centro città. In piazza Bra, un gruppetto di minori aveva avvicinato, circondato e colpito al volto un coetaneo, per provare a rubargli (senza successo) borsello e I-Phone; poco dopo, presso l’Arco dei Gavi, con le stesse modalità, altri giovanissimi avevano circondato un coetaneo minacciandolo con un coltello per avere la bicicletta che stava conducendo e il giubbino che indossava. Anche in quel caso, non erano mancati calci e pugni per “convincere” la vittima a consegnare quanto in suo possesso.

Insomma, una vera e propria “baby gang” su cui si è concentrato lo sforzo investigativo della stazione di Verona principale, competente per territorio: da quel 14 gennaio già quattro misure cautelari erano state eseguite, con collocamento in comunità, nei confronti di altrettanti minori protagonisti di quei violenti episodi. A queste, oggi si è aggiunta una quinta misura, comminata dall’Autorità Giudiziaria scaligera nei confronti di un altro appartenente alla gang e protagonista degli episodi di violenza. Si tratta di un diciassettenne marocchino, residente a Negrar: anche lui, su disposizione del giudice, è stato collocato presso una comunità per minori.

Condividi con:

Articoli Correlati

Villafranca, il liceo artistico “Carlo Anti” domani premiato alla Camera dei Deputati

massimo

Legnago, presentazione del libro “Donne invisibili e donne in controluce”

massimo

Verona, presentazione del libro “Piazza della Loggia cinquant’anni dopo” sulla strage neofascista

massimo

Verona, in Gran Guardia la mostra “Dall’Italia ad Auschwitz”

massimo

Pallacanestro, impresa dell’Ecodem Alpo Basket in gara-1 di finale a Udine per la promozione in A1  

massimo

Verona, dibattito con candidati e candidate alle elezioni europee al liceo Maffei

massimo