9.3 C
Verona
4 Dicembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Nuovo anno scolastico: il presidente della Provincia in visita al Maffei e al Cangrande

saluto maffei 1

Oggi, mercoledì 16 settembre, il presidente della Provincia, Antonio Pastorello, ed il consigliere provinciale con delega all’edilizia scolastica. Lino Gambaretto. hanno visitato il Liceo Maffei di Verona in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico e dei lavori di ristrutturazione che interesseranno l’edificio. Al termine della visita,il presidente Pastorello e il consigliere Gambaretto, insieme con il preside del Liceo, Roberto Fattore, sono andati a salutare gli studenti trasferiti per quest’ anno al Cangrande, augurando loro un felice ripresa dell’attività scolastica.

La ristrutturazione, che avverrà nell’arco di due anni, si occuperà delle due aree in modo alternato così che l’utilizzo di una delle due possa essere sempre garantito. Per i lavori, sono stati stanziati circa 2 milioni e 600 mila euro, dei quali 840 mila finanziati dalla Regione Veneto. È stato necessario progettare una distribuzione delle aule per i 1.264 studenti iscritti per il nuovo anno scolastico 2015/2016. Pertanto, alcuni saranno trasferiti nella succursale di via Venier (2 classi) e altri verranno ospitati dal terzo piano dell’Istituto Cangrande (12 classi). Le buste della gara verranno aperte domani e poi comincerà la fase amministrativa di assegnazione del vincitore. Il cantiere comincerà verso fine anno.

Condividi con:

Articoli Correlati

Sanità, domani sera su Report un’inchiesta sulla situazione di ospedali e pronto soccorsi in Veneto

massimo

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo