22.3 C
Verona
15 Agosto 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Nutrie, la Cia chiede un piano regionale e non deleghe ai Comuni per azioni a macchia di leopardo

Pedrini Michele

«Delegare ai Comuni l’abbattimento delle nutrie è sbagliato. È la Regione Veneto a dover farsi carico del coordinamento». A dirlo è Michele Pedrini, presidente della Confederazione italiana agricoltori di Verona, critico nei confronti delle nuove direttive emanate dalla giunta regionale sui dannosi roditori, che danno ai Comuni mano libera per l’abbattimento degli animali. Secondo la Cia si tratta dell’ennesimo palleggiamento, che rischia di rendere poco efficace il provvedimento.

«Da quando la nutria è stata declassata ad animale infestante, le competenze per il suo contenimento sono state scaricate dalla Regione e dalle Province sui Comuni – fa presente Pedrini -. Anche con queste nuove direttive, come già con il decreto legge 91 del 24 giugno 2014, l’abbattimento viene demandato alle amministrazioni comunali, con il rischio di un’azione a macchia di leopardo e non coordinata che potrebbe non essere affatto efficiente nello sterminare i roditori. È un ping-pong di responsabilità tra i diversi livelli istituzionali che impedisce di far scattare un intervento simultaneo su tutto il territorio padano».

La proposta della Cia è di assegnare il coordinamento regionale di abbattimento a Venezia, che deve muoversi con un piano generale da attivare simultaneamente in tutto il territorio regionale. «L’intervento coordinato direttamente dalla Regione è importantissimo, considerato che dalla sua immediatezza ed efficacia dipende la sicurezza idraulica di tutto il Veneto – dice Pedrini -. Solo in provincia di Verona si stima la presenza di 150 mila nutrie. Trattandosi di una priorità che ha carattere di emergenza è necessario un piano che affidi ai Consorzi di bonifica, con le necessarie risorse, le attività di eradicazione agendo direttamente o attraverso bandi e affidando l’attività di abbattimento e di smaltimento delle carcasse a soggetti specializzati».

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo