17 C
Verona
22 Maggio 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Operazione antidroga nel Basso Veronese: 3 arresti e 1,8 chili di eroina e cocaina sequestrati

Operazione antidroga della Squadra Mobile di Verona nel Basso Veronese dove nei giorni scorsi sono stati arrestati 3 tunisini ritenuti al centro di un giro di spaccio di cocaina ed eroina. Due di loro sono stati bloccati mentre nascondevano, interrandoli in diversi terreni tra Angiari e Cerea, grossi quantitativi di droga.

Nella mattinata del 20 maggio gli agenti della Squadra Mobile hanno deciso di intervenite, monitorando gli spostamenti degli stranieri che, verso le 14 in auto hanno raggiunto via Guasti ad Angiari, parcheggiandosi vicino ad un appezzamento di terreno isolato, lontano dal centro abitato, dove hanno scavato due grosse buche. Poi, da qui i due si sono diretti verso Cerea, sempre pedinati dagli agenti, per poi ritornare ad Angiari.

A quel punto i poliziotti si sono diretti verso il campo sorprendendo i tre uomini mentre scavavano delle buche con badili, picconi, zappe. Questi ultimi sono stati quindi immediatamente bloccati e identificati. È stata poi condotta una approfondita perquisizione all’interno dell’appezzamento di terreno, che ha portato al sequestro di arnesi da lavoro utilizzati per fare le buche e di un chilogrammo circa di eroina, mentre quella personale a carico di uno dei tre uomini ha portato al rinvenimento della somma in contanti di 800 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. La perquisizione è stata poi estesa anche all’abitazione di Cerea rinvenendo, all’interno del forno della cucina, una mattonella risultata contenere 516,70 grammi di eroina e un bilancino di precisione nascosto nell’intercapedine del sottotetto al primo piano.

Si è proceduto cosi all’arresto dei tre fermati che, al termine delle formalità di rito, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, sono stati tradotti presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’A.G. competente per la convalida. Questa mattina il giudice ha disposto nei loro confronti la custodia cautelare in carcere.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, alzato il ponte della Motta per far passare l’Alpone in piena

massimo

Maltempo, Soave conta i danni con oltre 170 abitazioni allagate fino al piano terra, una cantina devastata e 11 frane

massimo

San Pietro di Morubio, un morto nel ribaltamento di un’auto

massimo

San Bonifacio e Soave, attenti a finti tecnici di Acque Veronesi

massimo

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) secondo tra i giovani in Nations Cup

massimo

Meteo, nuova allerta in tutto il Veneto per forti piogge. “Rossa” nel Basso Veronese

massimo