9.3 C
Verona
4 Dicembre 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Operazione della Questura contro il gioco d’azzardo tra Verona, Castel d’Azzano e Legnago

Operazione della Questura di Verona per contrastare il fenomeno della ludopatia e del gioco d’azzardo, con gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa che giovedì della scorsa settimana, hanno controllato la “Sala Scommesse Sisal Matchpoint”, di Verona, in Corso Venezia 79. All’interno dell’esercizio era presente il cittadino italiano titolare delle licenze per la ricezione delle scommesse ippiche e sportive, nonché per l’installazione e l’uso dei sistemi da gioco denominati Video Lottery. Le attività di verifica effettuate all’interno dei locali hanno permesso di appurare che i 4 apparecchi VLT e i 6 apparecchi AWP – anche detti Newslot – presenti erano tutti accesi, nella disponibilità dell’utenza, in difformità di quanto imposto dalla normativa regionale che ne dispone lo spegnimento nella fascia oraria in cui il controllo è stato effettuato. Per la violazione amministrativa accertata è stata irrogata una sanzione pari a 5.000 euro.

Il giorno successivo, gli agenti di polizia appartenenti alla medesima Divisione, diretta da Antonio Bocelli, hanno provveduto ad effettuare un altro controllo amministrativo nei locali della sala scommesse “Eurobet” e della sala VLT annessa, a Castel d’Azzano (VR), in via Mascagni 53. Presente, durante le verifiche, il cittadino cinese titolare delle autorizzazioni, rilasciate dalla Questura il 31 ottobre del 2018, alla ricezione delle scommesse e all’installazione e all’uso di Video Lottery Terminal (VLT). Anche in questo caso, l’attività di controllo, effettuata in un orario in cui la normativa impone lo spegnimento degli apparecchi da gioco, ha consentito di rilevare che 7 Newslot e 6 VLT erano, invece, mantenuti in funzione. Per la violazione accertata, il titolare della licenza dovrà pagare 8.564 euro.

Due giorni fa, infine, gli agenti hanno sottoposto a controllo amministrativo i locali della sala VLT “Royal Games” di Legnago, in piazza Don Cirillo Boscagin. Anche in questo frangente, le verifiche effettuate hanno permesso di appurare che all’interno risultavano presenti 7 apparecchi VLT e 2 Newslot, accesi e nella disponibilità dei giocatori, in difformità di quanto imposto dalla normativa regionale già citata. Inoltre, nella medesima circostanza, è stato accertato che, all’atto del controllo amministrativo, le attività esercitate non erano gestite a mezzo di persona autorizzata[1]. Per quanto riscontrato sono stati irrogati 4.500 euro di sanzione amministrativa.

La Divisione Polizia Amministrativa Sociale ha, pertanto, riscontrato irregolarità nella gestione di oltre 30 apparecchi e contestato sanzioni amministrative per un totale superiore a 18.000 euro. Nel corso delle ultime settimane, le verifiche sono state, naturalmente, estese anche a numerosi altri esercizi titolari di analoga autorizzazione di polizia, all’interno dei quali, fortunatamente, all’atto del controllo, non sono state riscontrate irregolarità amministrative.

Condividi con:

Articoli Correlati

Sanità, domani sera su Report un’inchiesta sulla situazione di ospedali e pronto soccorsi in Veneto

massimo

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo