25.9 C
Verona
14 Aprile 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Peschiera del Garda, arrestato un 63enne di Brescia per la rapina alla Farmacia Ruzza

L’efficiente controllo del territorio e l’impegno investigativo dei Carabinieri della Compagnia di Peschiera del Garda hanno consentito di individuare il responsabile della rapina a mano armata perpetrata ai danni della Farmacia Ruzza di Peschiera del Garda lo scorso 11 dicembre.

I militari dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile dell’Arma di Peschiera del Garda hanno eseguito nei giorni scorsi un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Verona, nei confronti del 63enne, individuato e per questo indagato a seguito dei gravi indizi di colpevolezza acquisiti.

L’attività d’indagine dei militari è partita dall’estrapolazione delle immagini dai sistemi di videosorveglianza presenti nelle immediate vicinanze della Farmacia; attraverso l’analisi di quest’ultime si rilevava come il rapinatore, dopo l’evento criminoso, si fosse recato a piedi verso la Stazione Ferroviaria di Peschiera. Gli ulteriori approfondimenti, permettevano di accertare che l’uomo, dopo aver preso un treno, era stato immortalato dalle telecamere di videosorveglianza della Stazione Ferroviaria di Brescia, dove era sceso e da dove si era allontanato.

Ampliando la conseguente attività d’investigazione, i militari accertavano che lo scorso 16 dicembre, in una farmacia di Grumello del Monte (BG), era stata perpetrata un’altra rapina aggravata con le stesse modalità e da parte di un soggetto avente le stesse caratteristiche fisiche dell’autore di quella compiuta a Peschiera. Confrontando le immagini delle due rapine, emergeva come l’autore fosse lo stesso, sia per i caratteri somatici, sia per l’abbigliamento indossato per entrambe le rapine. Grazie al sistema “SARI”, inserendo l’effigie fotografica del rapinatore di Grumello del Monte (BG), il soggetto veniva identificato nel 63enne. Tramite mirati servizi di osservazione e l’esecuzione di un decreto di perquisizione, eseguita nei confronti del 63enne lo scorso mese di gennaio nella sua abitazione, venivano trovati i due giubbotti usati per commettere la rapina, una replica di pistola Beretta 92 con tappo di colore rosso, nonché alcuni buoni sconto cartacei con l’intestazione della farmacia rapinata a Grumello del Monte (BG) il 16 dicembre.

A seguito delle risultanze investigative la Procura della Repubblica scaligera, concordando con quanto raccolto dai Carabinieri, richiedeva una misura cautelare all’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Verona, il quale emetteva il provvedimento di custodia cautelare in carcere a carico del 63enne, poiché ritenuti sussistenti sul suo conto gravi indizi di colpevolezza in merito alle due rapine perpetrate a Peschiera del Garda (VR) e Grumello del Monte (BG) l’11 ed il 16 dicembre scorsi.

L’uomo è stato arrestato e al termine delle formalità di rito, tradotto presso la Casa Circondariale di Brescia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Condividi con:

Articoli Correlati

Europee, Borchia (Lega): «Onorato per candidatura, viaggio continua con serietà, idee, presenza territorio»

massimo

Ciclismo, Magagnotti regala la prima vittoria stagionale al team Autozai Contri

massimo

Verona, domani apre il 56° Vinitaly con 4 mila cantine presenti in fiera

massimo

San Bonifacio, è Antonio Verona il candidato a sindaco della Lista Provoli

massimo

Verona, ampia partecipazione al presidio in piazza Cittadella per lo sciopero dei settori privati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco