3.4 C
Verona
8 Dicembre 2022
In evidenza Politica ultimaora

Politica, la Liga Veneta-Lega Nord ha eletto Da Re segretario nazionale per acclamazione

Da  Re Gianantonio web

Eletto oggi in Fiera a Verona, per acclamazione, il nuovo segretario nazionale della Liga Veneta-Lega Nord Gianantonio Da Re. I 649 delegati presenti si recheranno ora alle urne per proseguire con le votazioni dei dieci consiglieri nazionali, i tre probiviri e i delegati che parteciperanno durante il 2016 al Congresso Federale della Lega Nord.

Nel suo intervento Da Re, 62 anni, trevigiano e unico candidato per la Segreteria Nazionale della Liga Veneta Lega Nord, ha sottolineato: «Siamo uniti, uniti si vince! Basta guerre interne! Ricordatevi che la nostra vera forza siete voi! – ha aggiunto rivolgendosi ai militanti e sostenitori intervenuti – ai segretari di sezione, di circoscrizioni, ai segretari provinciali va tutto il mio appoggio. Loro la nostra forza unita a voi! Oggi per me è una grande giornata ma perchè è la giornata della Liga Veneta».

Il segretario provinciale della Lega Nord di Verona, Paolo Paternoster, aveva aperto i lavori dichiarando: «Siamo fieri di essere qui oggi e un ringraziamento al commissario Dozzo per il lavoro fatto in quest’ultimo anno. Grazie poi per aver scelto la nostra città come punto per ripartire. Oggi siamo in tantissimi segno questo della nostra volontà di andare avanti e seguire il nostro presidente Luca Zaia e il Segretario Federale Matteo Salvini. L’anno prossimo a Verona – ha ricordato Paternoster – si andrà al voto per il Comune capoluogo e come Lega Nord presenteremo un candidato sindaco leghista, qualcuno di capace e pronto a prendersi la città e riportarla al massimo al suo massimo splendore».

«Cosa abbiamo in più e cosa abbiamo in meno? Perchè oggi il popolo italiano ci vota? – si è chiesto Matteo Salvini -. Gli italiani ci votano perchè siamo la loro ultima possibilità ma oggi non dobbiamo sbagliare. Parlare poco e fare tanto e per fare tanto dobbiamo governare. Sono orgoglioso di celebrare oggi questo congresso unitario, grazie ai militanti e dirigenti che hanno permesso questo. Lavorate per trasformare il Veneto in una realtà sempre più grande, aprite le porte a chi si avvicina al nostro partito e fateli crescere con voi».

«Scelgo il Veneto e scelgo la libertà – ha urlato  subito il governatore del Veneto, Luca Zaia -. La nostra è una vera missione: noi siamo quelli che ieri combattevamo per il federalismo e oggi siamo sempre quelli, i veneti che vogliono guadagnarsi Autonomia e Indipendentismo per il bene nostro e dei nostri cittadini. Siamo quelli che combattiamo per tenere il crocifisso nelle nostre scuole, quelli che la famiglia sono mamma e papà, quelli che credono nel nostro territorio e nelle nostre tradizioni. La mia vittoria in Veneto, come quella di Massimo Bitonci a Padova e quella di Massimo Bergamin a Rovigo è la vittoria della Liga Veneta, un traguardo raggiunto grazie a chi ha creduto a noi e grazie al vostro lavoro. E Verona è la città-simbolo di un anno di resistenza e lotta. Siamo cresciuti contro chi non voleva».

Condividi con:

Articoli Correlati

Cerea, con la moto contro un’auto: un ferito grave a San Vito

massimo

S.Bonifacio, l’ex ospedale passerà al Comune che darò all’Ulss il terreno per la Casa della Comunità

massimo

Legnago, oltre 80 imprenditori alla serata organizzata dall’europarlamentare Borchia sule politiche Ue per l’energia

massimo

Verona, incidente tra due auto in corso Cavour con un ferito grave

massimo

Sona, finisce con l’auto contro un albero: è in gravi condizioni

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco