19.5 C
Verona
14 Agosto 2022
In evidenza Politica ultimaora

Politica, Tosi a Grillo: «Sulla legge elettorale chi è causa del suo mal, pianga se stesso»

fare-tosi

«Grillo impreca contro la legge elettorale definendola una “porcata”. Eppure è figlia del risultato del referendum sulla riforma costituzionale, sulla cui bocciatura lui ha contribuito in modo determinante. Se i Cinquestelle avessero sostenuto il Sì, la riforma sarebbe passata e oggi avremmo il Senato di fatto svuotato e con costi azzerati e la Camera eletta con un sistema fortemente maggioritario, dove i grillini avrebbero potuto arrivare al governo del Paese addirittura da soli. E allora, chi è causa del suo mal, pianga se stesso».

Lo afferma oggi Flavio Tosi, segretario di “Fare!” commentando le proteste inscenate a Roma dal Movimento 5 Stelle sulla fiducia posta sulla legge elettorale Rosatellum. «Grillo dovrebbe essere felice almeno per il fatto che saranno eliminate le preferenze, incubo dei grandi partiti che temono di perdere il controllo sugli eletti se questi entrassero in Parlamento per merito personale, come espressione diretta del volere degli elettori – aggiunge Tosi -. Sarà perché i grillini in quanto a preferenze raccolte sono sempre ridicoli? Su questo concordiamo con la Meloni: il ritorno delle preferenze sarebbe stato un toccasana anche per migliorare la qualità della classe politica. Non ci si spiega perché a livello di Comune, Regione e Parlamento Europeo ci siano le preferenze, mentre per Camera e Senato si impedisce da quattro mandati ai cittadini di scegliere i propri rappresentanti».

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo