31.2 C
Verona
11 Agosto 2022
In evidenza Politica ultimaora

POLITICHE 2018, Sandrin (Grande Nord): «Ecco la verità sul Bilancio dello Stato»

«I politici che in questa campagna elettorale fanno a gara in promesse e prebende di ogni tipo sono gli stessi che a fine dicembre hanno approvato un Bilancio dello Stato da “lacrime e sangue” che non pone certo al vertice delle priorità i cittadini e le imprese, ma le banche!». Ha aperto la sua conferenza, oggi a Verona, col botto, come è solita fare in tv e sul web nei panni della “Siora Gina”, Maria Cristina Sandrin, candidata di punta per il Grande Nord al Senato.

«Nel dettaglio: il Bilancio approvato in dicembre prevede che le entrate tributarie passino dai 493 miliardi di euro del 2017 ai 543 miliardi del 2020. Nello stesso tempo, vengono tagliati i fondi destinati a “competitività e sviluppo delle imprese”: dai 26,5 miliardi del 2018 ai 19,3 del 2020. Dimezzati i fondi per il turismo, da 116,7 a 60 milioni di euro, ridimensionati quelli a favore della ricerca e sviluppo delle imprese, da 1,3 miliardi a 890 milioni di euro, drasticamente ridotti quelli a favore delle attività manifatturiere: da 762 a 38 milioni di euro. E non potevano mancare le sforbiciate ai servizi, nelle varie voci di spesa: una tra tutte, il “soccorso civile”, con una riduzione da 5,7 a 3,4 miliardi di euro nel triennio. La sorpresa, però, è che rimangono invariati i sostegni al settore creditizio e bancario: i 3 miliardi di euro annui vengono sempre garantiti», – ha riassunto Sandrin, due lauree, in Economia e in Giurisprudenza, esperta in management per le imprese e titolare di due studi legali a Verona, con la verve che gli è solita da “Siora Gina”, fustigatrice in salsa veneta dei politicanti e della cattiva amministrazione.

«Allo stesso modo, i politici che propongono l’introduzione della “flat tax” e altri bonus, dovrebbero presentare una seria e realistica simulazione del piano di risanamento delle casse dello Stato, con la riscrittura del Bilancio approvato a fine dicembre, secondo le variabili proposte. Altro che “contratti con gli italiani”..! », sbotta la candidata di Grande Nord.

Condividi con:

Articoli Correlati

Illasi, alla vista dei carabinieri scappa a folle velocità saltando due semafori: arrestato

massimo

Verona, al “Mura Festival” la musica dei “Joe Sanketti y Otravez”

massimo

Legnago, uomo colpito dal virus “West Nile” causato dalla puntura di zanzara infetta

massimo

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo