26.8 C
Verona
12 Luglio 2024
Economia In evidenza ultimaora

Povegliano Veronese, sciopero delle lavoratrici in appalto alla Spreafico

Sciopero di otto ore oggi delle lavoratrici in appalto allo stabilimento Spreafico di Povegliano Veronese. Nell’ambito dell’ennesimo cambio appalto allo stabilimento Spreafico di Povegliano Veronese (lavorazione di frutti di bosco e frutta secca) si vorrebbe imporre alle lavoratrici e ai lavoratori uno svantaggioso cambio di contratto: da ortofrutticoli e agrumari a multiservizi, con implicazioni negative in termini di salario e, soprattutto, di flessibilità. L’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori ha pertanto approvato un pacchetto di iniziative di protesta contro questa proposta unilaterale, ritenuta inaccettabile, che comincerà oggi, giovedì 6 aprile, con uno sciopero di 8 ore e presidio davanti ai cancelli dello stabilimento.

L’azienda occupa una cinquantina di lavoratori, dei quali soltanto 15, per lo più personale amministrativo e di coordinamento, alle dirette dipendenze di Spreafico, colosso della lavorazione e commercializzazione della frutta fresca. Il resto, 35-40 lavoratori a seconda della stagione, al 90% donne e al 90% di origine straniera con prevalenza dall’est europeo, sono dipendenti della cooperativa di turno che si aggiudica l’appalto per il magazzino e le linee di lavorazione (cernita) della frutta. Quello di Povegliano non è il magazzino più grande del gruppo ma è quello che svolge la lavorazione più delicata sui frutti di bosco.

«L’insostenibile turnover con cui gli appalti si avvicendano è da anni uno dei principali temi di trattativa sindacale con la titolare Spreafico. Negli ultimi due anni e mezzo si sono susseguite ben quattro cooperative che puntualmente hanno abbandonato anzitempo a causa della scarsa marginalità sui chilogrammi di lavorato riconosciuta dalla committenza.

L’ultima entrata, la San Martino Service di Piacenza, che sostituisce la Ant di Bergamo, durata otto-nove mesi che a sua volta sostituiva la Fabbro, rimasta per appena tre mesi, ha posto come condizione il cambio dell’inquadramento contrattuale per tutti i lavoratori di linea e di magazzino – spiegano i sindacalisti Samba Sarr, della Flai Cgil Verona, e Mariapia Mazzasette (nella foto), segretaria generale della Flai Cgil Verona -. Si tratta di una richiesta già fatta in passato e già respinta, contro la quale continueremo ad opporci perché è inaccettabile l’idea di far pagare a lavoratrici e lavoratori i problemi di marginalità delle imprese in appalto. Nella giornata di domani potrebbero quindi verificarsi criticità nelle consegne dirette ai supermercati e nella continuità delle lavorazioni».

Condividi con:

Articoli Correlati

Albaredo d’Adige, scomparso l’ex sindaco Erminio Guzzo: fu l’ultimo della Dc

massimo

Verona, un morto sulla Serenissima questa notte nello scontro tra due auto

massimo

Verona, festa della Cgil venerdì sabato e domenica nell’area verde davanti alle Piscine Santini

massimo

Legnago, scintille tra Ambrosini e il neosindaco Longhi nel primo consiglio della nuova amministrazione

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) è campione europeo nell’inseguimento a squadre

massimo