6.4 C
Verona
3 Febbraio 2023
Cronaca In evidenza ultimaora

Premiati gli alunni vincitori del concorso “Amica Acqua. ti immagino così” promosso da Acque Veronesi

acque-premia-scuole

Il presidente di Acque Veronesi, Niko Cordioli, il consigliere di amministrazione, Paola Briani e Fabio Venturi, presidente del gruppo Agsm, hanno premiato questa mattina i vincitori di “Amica Acqua.. ti immagino così”, un concorso interamente dedicato alle risorse idriche rivolto a migliaia di studenti veronesi.

Il concorso era diviso in due sezioni: quella grafico-pittorica, che prevedeva la realizzazione di una ‘Mascotte’ di Acque Veronesi e quella  letteraria, dove gli alunni si sono cimentati nella creazione di appositi slogan dedicati alle risorse idriche. Per la prima categoria sono state premiate le scuole don Mercante di Verona, Cesare Battisti di Erbezzo e Don Antonini di Raldon di San Giovanni Lupatoto. Nella sezione slogan gli istituti vincitori sono stati la scuola Don Antonini di Raldon, la scuola primaria di Veronella e il Don Mercante di Verona. Le scuole vincitrici del concorso riceveranno da Acque Veronesi nelle prossime settimane delle somme in denaro. Gli elaborati sono stati giudicati da un’apposita commissione e sono stati valutati sulla base dell’attinenza al tema, dell’immediatezza del messaggio, dell’originalità e del valore comunicativo dell’opera.

Per un intero anno l’”Oro blu” è stato protagonista tra i banchi delle scuole statali e paritarie di Verona e della sua provincia. L’iniziativa, partita nel mese di febbraio, è stata organizzata dalla società consortile che gestisce il servizio idrico integrato in 77 comuni della provincia scaligera, in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona-Scuola di Medicina e Chirurgia,  l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Verona, il Comune di Verona e l’ufficio d’ambito Territoriale VII. L’obiettivo della “competizione” è stato quello di sensibilizzare e formare i più giovani sui temi dell’ambiente ed in particolar modo su quello dell’acqua e su un suo uso consapevole, attraverso un approccio didattico creativo e divertente.

Gli alunni che hanno partecipato al concorso sono stati circa 1800, appartenenti a 42 scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado del territorio veronese. Un ruolo importante è stato ovviamente rivestito dai docenti degli istituti coinvolti, che hanno, nel corso di questi mesi, seguito ed accompagnato i loro studenti in questo percorso ludico-formativo dedicato al tema dell’acqua e della sua sostenibilità.

«Abbiamo deciso di organizzare il concorso perché siamo convinti che solamente attraverso attività di informazione e sensibilizzazione nei confronti delle nuove generazioni sia possibile inculcare il rispetto e l’attenzione che meritano i temi ambientali – ha commentato il presidente Cordioli –. Abbiamo quindi deciso di diffondere tra “gli adulti di domani” la conoscenza degli aspetti naturali e tecnologici del ciclo idrico, di accrescere in loro la consapevolezza del valore dell’acqua, di aiutarli a promuovere una cultura di rispetto e salvaguardia di un bene primario».

«Il progetto ha seguito un metodo comunicativo chiaro e diretto, mettendo in risalto l’importanza fondamentale per la nostra esistenza di questa risorsa. – ha sottolineato Paola Briani, che ha seguito in prima persona tutte le fasi organizzative dell’iniziativa –. Diminuire lo spreco di acqua è un dovere per tutti, soprattutto per le future generazioni. Acque Veronesi prosegue così un percorso didattico iniziato già diversi anni fa, consapevoli che la nostra acqua è buona, sicura ed economica, come certificato da migliaia di analisi l’anno».

«Agsm è da sempre attenta alle generazioni future – spiega Fabio Venturi – perché sono loro i futuri cittadini di domani ed è con loro che bisogna insistere sul risparmio energetico e, in questo caso, sulla razionalizzazione dell’uso dell’acqua. Sono certo che i ragazzi di oggi sapranno stupirci e insegnare a noi adulti i comportamenti virtuosi».

La premiazione è stata preceduta dalla visione dei lavori degli alunni, da simpatici momenti ludici e da una colazione con snack, gentilmente offerti da Verona Mercato.  Alla cerimonia, oltre ai vertici di Acque Veronesi, Agsm, centinaia di studenti, diversi sindaci, insegnanti e presidi della provincia scaligera, è intervenuto anche Angelo Pietrobelli, professore associato del Dipartimento di Scienze chirurgiche, odontostomatologiche e materno infantili dell’Università scaligera, che ha collaborato al progetto.

Condividi con:

Articoli Correlati

Pressana, è un cinquantenne la vittima sul lavoro morto cadendo nella cisterna di un’azienda

massimo

Pressana, muore cadendo in una cisterna: ennesima vittima sul lavoro

massimo

Ferrara del Monte Baldo, disperso in Vajo dell’Orsa recuperato ieri sera a tarda ora dai Vigili del fuoco

massimo

Borchia (segretario provinciale Lega): «Approvato il decreto sull’Autonomia. Giornata storica»

massimo

Pallavolo, da domenica al Palaferroli di S. Bonifacio l’Unione Volley si gioca il campionato in sette gare

massimo

Scuola&Formazione, boom di partecipanti a “Orientiamoci insieme” della Camera di Commercio di Verona

massimo