29.4 C
Verona
16 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Processo Pfas, ammessi tutti i testimoni presentati dalla società idriche

Ieri si è riunita a Vicenza la Corte d’Assise che giudicherà i 15 manager delle società Miteni spa (fallita), Mitsubishi Corporation e Icig, considerati responsabili dell’inquinamento ambientale provocato dal presunto sversamento di Pfas, GenX e C6O4 e altri prodotti chimici nelle province di Padova, Vicenza e Verona dal 2000 in poi. Gli imputati sono accusati a vario titolo di avvelenamento acque, disastro ambientale innominato, gestione di rifiuti non autorizzata, inquinamento ambientale e reati fallimentari.

Davanti ai giudici Antonella Crea e Chiara Cuzzi, e agli otto giudici popolari, c’è stata la discussione sull’ammissione delle liste dei testimoni che verranno sentiti nel corso del dibattimento. Si tratta di un elemento importante per la formulazione della prova della presunta colpevolezza degli imputati che, ricordiamo, deve essere “formata” in aula.

«Sui testimoni che abbiamo presentato noi avvocati che tuteliamo Acque Veronesi, Acque del Chiampo, Viacqua e Acquevenete non c’è stata alcuna obiezione, il 25 novembre entreremo nel vivo, in aula parleranno i dipendenti dell’Arpav», ha detto l’avvocato Angelo Merlin, che rappresenta le società idriche insieme agli avvocati Marco Tonellotto, Vitore d’Acquarone e Giulia Bertaiola.

 

Condividi con:

Articoli Correlati

Soave, serata di poesia al parco Zanella

massimo

Roverchiara, distrutta dalle fiamme parte della “Cereal Docks Organic”

massimo

Politiche 2022, il Pd candida come capolista alla Camera l’uscente Alessia Rotta

massimo

Politiche 2022, oggi le “Parlamentarie” 5 Stelle sui candidati: esclusa la veronese Businarolo

massimo

Verona, al “Mura Festival” appuntamento con le degustazioni di Slow Food

massimo

Ciclismo, Biondani (Autozai Petrucci Contri) quarto a Ceneda di Vittorio Veneto

massimo