31.2 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Profugo nigeriano morto nella notte: era stato visitato all’ospedale di Bussolengo

Bussolengo Ospedale

È morto nella notte, all’interno della struttura che lo ospitava in Valpolicella, un profugo nigeriano. L’uomo si era presentato ieri pomeriggio, verso le 17, al Pronto Soccorso dell’ospedale “Orlandi” di Bussolengo, accompagnato da una operatrice della comunità che gestisce la struttura d’accoglienza.

«Ai sanitari l’immigrato aveva riferito di essere stato investito da un’auto e di aver subito un trauma alla testa e, a sua detta, senza la presenza di alcun testimone. Veniva quindi visitato; venivano effettuati esami di controllo ematochimici, radiografie del rachide lombo cervicale e dorsale, un rx torace e una tac encefalo e massiccio facciale, e una ecografia addominale – dice una nota dell’Ulss 22 di oggi -. Tutti gli accertamenti davano esito  negativo. Il paziente verso le 19, asintomatico e deambulante, lasciava il Pronto Soccorso».

Solo che questa notte l’uomo è morto. Ora, pare che, a seguito di successive indagini effettuate dalle forze dell’ordine, il trauma di cui era rimasto vittima sia avvenuto per caduta da malore improvviso, episodio di cui non era stata fatta menzione nè all’operatrice nè ai medici e operatori del Pronto Soccorso di Bussolengo. Da parte della direzione dell’ospedale Orlandi è stata subito attivata un’indagine interna per la verifica della correttezza delle procedure diagnostiche, mentre è in corso da parte delle forze dell’ordine la verifica di quanto dichiarato dal profugo al momento del ricovero.

Condividi con:

Articoli Correlati

Illasi, alla vista dei carabinieri scappa a folle velocità saltando due semafori: arrestato

massimo

Verona, al “Mura Festival” la musica dei “Joe Sanketti y Otravez”

massimo

Legnago, uomo colpito dal virus “West Nile” causato dalla puntura di zanzara infetta

massimo

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo