26.1 C
Verona
19 Luglio 2024
Economia In evidenza ultimaora

Protesta degli agricoltori veronesi per le angurie a 1 centesimo offerte da Eurospin

Angurie vendute a 1 centesimo al chilogrammo. È la promozione annunciata da Eurospin, per domani, vigilia di Ferragosto, nei suoi punti vendita. Un’offerta che viene presentata dalla principale catena di discount in Italia come un omaggio alla clientela, specificando che ai fornitori è stato riconosciuto il giusto prezzo, ma che gli agricoltori leggono come l’ennesimo schiaffo della grande distribuzione a chi produce e vede deprezzato il proprio lavoro.

«Siamo amareggiati – sottolinea Francesca Aldegheri, referente di giunta per il settore frutticolo per Confagricoltura Verona -. Veniamo già da una stagione difficile per l’ortofrutta, tra l’emergenza Covid che con la chiusura del canale Horeca ha causato una forte riduzione dei consumi e il maltempo primaverile che ha falcidiato parecchie produzioni. Vedere, ora, che le angurie in piena estate vengono vendute a 1 centesimo al chilo ci fa male. Non ci dicano che le angurie vengono retribuite comunque al giusto prezzo, perché le promozioni della grande distribuzione vengono sempre scaricate sulla pelle degli agricoltori. Sono anni che l’industria fa il bello e il cattivo tempo, comprando la frutta a prezzi stracciati che spesso non coprono neppure i prezzi di produzione. Le angurie hanno avuto una stagione altalenante anche a causa del meteo e proprio adesso stavamo vedendo una ripresa dal punto di vista remunerativo. Ma questa promozione rischia di sfavorirla».

Secondo i vertici della catena distributiva le angurie sarebbero state pagate ai produttori dai 20 ai 25 centesimi al chilo, quando il prezzo giusto è superiore ai 31.

.«La mortificazione del lavoro di chi produce beni cosi utili al nostro benessere è l’opposto del concetto di “solidarietà nazionale” che è stato tanto sbandierato durante l’emergenza Covid – commenta Andrea Lavagnoli, presidente di Cia Agricoltori Italiani Verona – sottolinea Lavagnoli -. Ricordo che, oltre alle difficoltà legate al reperimento di manodopera, abbiamo assistito anche al crollo dei prezzi dovuto alla pandemia, se pensiamo che, rispetto a un anno fa, le angurie hanno visto il prezzo all’origine crollare del 60 %. Ma tutta l’ortofrutta ha subito un tonfo: le zucchine, i meloni e i cetrioli del 50%, le insalate, le melanzane e i fagiolini del 40% e i peperoni del 15%. Angurie, cetrioli, insalate, melanzana, zucchine pagate 20 centesimi al chilo; meloni e pomodori tra i 50 e i 70 centesimi al chilo. Il costo sostenuto dai produttori al chilogrammo, a seconda della coltura, varia tra i 50 centesimi e 1,5 euro al chilo. E ora vediamo che un grosso gruppo di discount svende le angurie a 1 centesimo al chilo? È inaccettabile».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, denuncia di Gottardi (Uil) sul degrado all’ospedale Geriatrico: «All’interno vivono sbandati violenti e pericolosi»

massimo

Verona, celebrato ieri il ricordo dell’assalto partigiano al Carcere degli Scalzi

massimo

Verona, grazie all’8xmille alla Chiesa Cattolica è nata Casa Santa Elisabetta per donne in difficoltà

massimo

Valpolicella Doc, presentato in Regione il Dossier socioeconomico 2024 della principale denominazione Rossa del Veneto

massimo

Feste de L’Unità 2024, il via venerdì 19 luglio a Quinzano e Casaleone

massimo

Oppeano, rinnovato l’accordo integrativo alla Finstral

massimo