9.7 C
Verona
3 Febbraio 2023
Basso Veronese In evidenza Sport Sport ultimaora

Rally, esordio amaro per Strabello costretto al ritiro quando era terzo assoluto

Una curva ha tradito Stefano Strabello nel 42° Rally il Ciocco e Valle del Serchio, durante la seconda prova di oggi, costringendolo al ritiro quando era terzo assoluto e primo nella Suzuki Rally Cup 2019.

Il pilota legnaghese, portacolori della Destra4 Squadra Corse, ha portato in gara per la prima volta la nuova Suzuki Swift 1.0 Boosterjet RS R1 preparata dalla Gliese Engineering. Cauto sulla stretta e tortuosa prova spettacolo inaugurale a Forte dei Marmi, abilmente navigato da Sofia D’Ambrosio, Strabello ha rotto gli indugi sulla prima prova della lunga tappa di sabato. Fedele alle promesse di giocarsi tutte le carte per essere assolutamente protagonista, il pilota veronese ha piazzato la zampata vincente sulla seconda prova speciale “Massa-Sassorosso” con un ottimo 5’22.4, primo della Suzuki Rally Cup, che gli ha consentito di recuperare dall’ottavo al terzo posto assoluto nel CIR R1, facendo pregustare una giornata di sicuro spettacolo.

Purtroppo però sulla lunga “Careggine”, prova regina della manifestazione dall’alto dei suoi quasi 20 chilometri, nell’affrontare un insidioso taglia sulla destra, la Suzuki Swift 1.0 Boosterjet RS R1 ha avuto una reazione imprevista scartando verso l’esterno curva e andando ad impattare con un muretto. L’impatto ha staccato la posteriore sinistra, con Strabello che è stato così costretto a parcheggiare poco più avanti a bordo prova speciale ritirandosi.

Condividi con:

Articoli Correlati

Trasporto pubblico, Atv annuncia nuovi tagli alle corse urbane per mancanza di autisti

massimo

Isola della Scala, progetto da 2 milioni di euro per riqualificare il parco e collegarlo agli impianti sportivi

massimo

Verona, torna l’appuntamento con “Il Ristorante tipico… d’Inverno”

massimo

Verona, night chiuso per prostituzione e due arrestati: trovati anche farmaci utilizzati per disfunzioni erettili

massimo

Montecchia di Crosara, senza patente scappa al controllo dei Carabinieri: arrestato dopo 15 minuti di fuga

massimo

Pressana, è un cinquantenne la vittima sul lavoro morto cadendo nella cisterna di un’azienda

massimo