7.7 C
Verona
2 Dicembre 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Rapina Castelvecchio: presa la banda italo-moldava e recuperati i dipinti

castelvecchio-mueso

La Squadra Mobile di Verona ed i Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico stanno portando a termine in queste ore un’operazione tra Verona e la Moldava per sgominare la banda che aveva realizzato il colpo al Museo di Castelvecchio, rubando 17 preziosissimi dipinti.

L’operazione, coordinata dalla Procura delle Repubblica di Verona, ha portato all’arresto di 12 persone in città ed in Moldavia. In manette anche i basisti del colpo, tra i quali ci sarebbe la guardia giurata che era in servizio al museo di Castelvecchio la sera della rapina, il 18 novembre. Tra l’altro,  i banditi avevano utilizzato la sua auto, lasciata parcheggiata nel cortile del museo, per caricare i quadri e fuggire. Il mezzo era stato ritrovato alcuni giorni dopo dalla Polizia alla periferia di Brescia.

L’indagine durata 4 mesi e condotta dalla Squadra mobile e dai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico ha portato all’arresto di 12 persone tra la Moldavia e Verona. Tra le persone fermate ci sarebbe anche una donna moldava, ritenuta il “ponte” tra la città e il Paese dell’Est Europa.

L’operazione è ancora in corso per riportare a Verona la refurtiva che sarebbe stata recuperata in Modavia dove era stata portata dagli autori della rapina e dai loro complici.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo

Verona, folle fuga in auto contromano in tangenziale per scappare ai Carabinieri

massimo

San Bonifacio,  arrestati dai Carabinieri i due autori della rapina ad un’anziana al cimitero

massimo