26.1 C
Verona
19 Luglio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Regione, avviato il Tavolo di consultazione partenariale sui Fondi Europei 2021-2027

Si è svolto ieri, giovedì 6 maggio, a Venezia, il Tavolo di consultazione partenariale per la Politica di Coesione 2021-2027 presieduto dagli assessori Elena Donazzan e Manuela Lanzarin dedicato ai temi dell’occupazione di qualità, formazione e istruzione e inclusione sociale.

«La giornata è stata una tappa importante del percorso di confronto che proseguiremo a fare con i protagonisti del territorio sui temi del mercato del lavoro, delle competenze, dell’equità sociale», ha sottolineato il dottor Santo Romano, direttore dell’Area Politiche Economiche, Capitale Umano e Programmazione Comunitaria, Regione del Veneto

I componenti del Tavolo partenariale sono 86: ieri erano presenti i rappresentanti di tutte le Associazioni datoriali e di categoria, sindacati, Università, Comuni, Province, ecc. Ma tutti i cittadini possono dare il proprio contributo: sul sito internet della Regione al link https://programmazione-ue-2021-2027.regione.veneto.it/  è online uno strumento di “consultazione pubblica” semplice e veloce ma che consente di raccogliere proposte e osservazioni in preparazione dei Programmi Operativi Regionali.

«La nuova programmazione dei fondi europei è sempre un momento emozionante – ha detto l’assessore Donazzan nell’indirizzo di saluto –. Si tratta di fare il bilancio di quello che è stato realizzato e di immaginare il futuro attraverso una strategia. In più oggi questo si colloca in un momento storico particolare che rende la programmazione un’occasione unica di rilancio».

«Lavorare in modo congiunto – indica l’assessore Lanzarin – per intercettare i fabbisogni prioritari da cui partire ed elaborare nuove proposte e nuovi strumenti di attuazione è la prospettiva fondamentale. Con la nuova programmazione, infatti, si apre un percorso che non può prescindere dal rafforzare il ruolo degli ambiti territoriali sociali; questi sono i veri contesti dove mettere a sistema relazioni e alleanze per garantire un’offerta di servizi di qualità e un adeguato accesso ad essi. Penso al sostegno alla famiglia e alla genitorialità, a misure per favorire l’inclusione e interventi a sostegno di anziani e non autosufficienti con una particolare attenzione ai caregiver».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, denuncia di Gottardi (Uil) sul degrado all’ospedale Geriatrico: «All’interno vivono sbandati violenti e pericolosi»

massimo

Verona, celebrato ieri il ricordo dell’assalto partigiano al Carcere degli Scalzi

massimo

Verona, grazie all’8xmille alla Chiesa Cattolica è nata Casa Santa Elisabetta per donne in difficoltà

massimo

Valpolicella Doc, presentato in Regione il Dossier socioeconomico 2024 della principale denominazione Rossa del Veneto

massimo

Feste de L’Unità 2024, il via venerdì 19 luglio a Quinzano e Casaleone

massimo

Oppeano, rinnovato l’accordo integrativo alla Finstral

massimo