28.2 C
Verona
22 Luglio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Rette case di riposo, i sindacati: «Basta aumenti a carico  delle famiglie. Intervenga il prefetto» 

A fronte dei rincari nell’ordine dei 5-10 euro al giorno già avvenuti negli ultimi due anni a seguito degli adeguamenti Istat della componente alberghiera delle rette della case di riposo e per fronteggiare il caro energia, per le organizzazioni sindacali di rappresentanza dei pensionati la decisione di un ulteriore aumento anche di un solo euro della retta giornaliera è «inaccettabile e irricevibile».

Lo hanno affermato oggi, sabato 16 dicembre, I segretari generali di categoria Adriano Filice (Spi Cgil Verona), Viviana Fraccaroli (Fnp Cisl Verona), Gianluigi Meggiolaro (Uilp Uil Verona). «Se da un lato comprendiamo benissimo le regioni delle Ipab, le case di riposo pubbliche, che non sono messe nelle condizioni di operare al meglio a causa della mancanza di una riforma complessiva del settore, e che per giunta devono far fronte ad una congiuntura economica complicatissima, dall’altra parte riteniamo un’aberrazione che la politica, anziché occuparsi del destino di centinaia di migliaia di anziani veronesi e veneti, perda tempo in improbabili giochi di architettura istituzionale – dicono i sindacalisti -. La politica serve se fornisce soluzioni ai problemi delle persone, ma come è stato ampiamente spiegato anche dalle stesse case di riposo l’incremento di 20 milioni di euro all’anno per tre anni del fondo regionale per la non autosufficienza è del tutto insufficiente a far fronte all’emergenza attuale, in quanto spalmato su centinaia di enti pubblici e privati accreditati, si traduce in un aiutino di alcune decine di migliaia di euro».
«Come organizzazioni sindacali respingiamo la logica di scansare i problemi e porteremo la questione delle famiglie oberate dagli aumenti delle rette delle case di riposo davanti al Prefetto di Verona, al quale chiediamo udienza. Chiediamo inoltre l’immediata convocazione dell’Osservatorio provinciale sulle Case di Riposo per discutere e trovare soluzioni rapide – concludono i sindacalisti -. La condizione degli anziani a Verona e nel Veneto deve essere affrontata con urgenza aumentando il numero delle impegnative pubbliche per smaltire le liste di attesa, incrementando in misura adeguata il fondo per la non autosufficienza; attuando la riforma delle Ipab che si attende da decenni e individuando nell’applicazione dell’Aliquota Irpef Regionale per i redditi alti la fonte per garantire risorse adeguate al sistema di assistenza per la non autosufficienza».
Nella foto Adriano Filice

Condividi con:

Articoli Correlati

Nuoto, Bentegodi sugli scudi ai Regionali con Aiello e Brembilla oro nel dorso

massimo

Ciclismo, l’Autozai Contri domina il Giro del Veneto Juniores: tre vittorie su 4 tappe e Valjavec campione

massimo

Soave, la città murata per la terza volta al centro di un servizio della Rai: stavolta una puntata di “Camper”

massimo

Legnago, la rassegna culturale “Estate al Fioroni” ospita il vescovo Pompili

massimo

Verona, lutto nel mondo economico: è scomparso Tullio Poli per anni segretario della Camera di Comercio

massimo

Ciclismo, Valjavec (Autozai Contri) domina la tappa dolomitica e si incorona re del Giro del Veneto Juniores

massimo