8 C
Verona
2 Marzo 2021
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

S. Bonifacio, fermato dice che l’amica è appena uscita dall’ospedale: falso e in auto aveva 10 dosi di cocaina

Stanotte i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di S. Bonifacio, hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un cinquantaquattrenne italiano, pregiudicato, residente a Verona.

Il soggetto a bordo di una autovettura condotta da una sua conoscente, una volta fermato per il controllo, spiegava ai Militari di essere perfettamente a conoscenza delle misure normative previste per il contenimento del contagio da Covid-19, ma che la donna, trovata alla guida dell’auto, era da poco uscita dall’Ospedale di San Bonifacio, dove si era recata a causa di un improvviso malore, presentando anche autocertificazione in tal senso.

I successivi accertamenti espletati dai Carabinieri, permettevano di appurare come la donna non si fosse mai presentata presso la citata struttura sanitaria; le successive operazioni di perquisizione permettevano poi di rinvenire nella disponibilità dell’uomo 10 confezioni in cellophane termosaldate, contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina, pronte ad essere cedute ad eventuali acquirenti.

Alla luce di quanto riscontrato, l’uomo veniva tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, in concorso con la sua conoscente, 44 anni, pregiudicata e residente a Badia Calavena, deferita in stato di libertà per il medesimo reato. Entrambi venivano denunciati anche per il reato di false dichiarazioni a Pubblico Ufficiale, avendo presentato ai militari una autocertificazione palesemente falsa e sanzionati per aver violato la normativa relativa alle misure urgenti di contenimento del contagio da Covid-19.

Stamattina si è celebrato il rito direttissimo e per il prossimo maggio è stata fissata la definizione del processo.

Articoli Correlati

Caso Cattolica, il segretario dell’Ivass nell’audizione alla Camera: «Rilevanti irregolarità»

massimo

Sanità, la Uil all’Ulss 9: «Serve un piano del personale per far ripartire le attività pre Covid»

massimo

S. Giovanni Lupatoto, forano il pneumatico di un’auto per fare un furto: due denunciati

massimo

Calcio Serie C, Legnago alla prova salvezza in casa con il Carpi

massimo

Legnago, sulla querelle del Salieri interviene Longhi: «Il consulente è una richiesta prevista dallo statuto»

massimo

Verona, spettacolo in diretta streaming dal Camploy per la Festa della Donna

massimo