27.5 C
Verona
16 Luglio 2024
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

S. Giovanni Ilarione, riesce a farsi dare 16 mila euro da una 60enne spacciandosi per un noto cantante: denunciato

È stato denunciato dai Carabinieri, assieme a due soci, l’autore di una cosiddetta “truffa alla nigeriana” o “internet romance scam” ai danni di una 60enne di San Giovanni Ilarione. Spacciandosi per un famoso cantante e con la promessa di un incontro era riuscito a farsi dare 16 mila euro.

La così detta “truffa alla nigeriana” o “nigeriam scam” è tra le più diffuse al mondo. Il modus operandi consiste nell’ingannare la vittima spacciandosi per una persona facoltosa che, per problemi vari, non riesce a sbloccare un’ingente somma di denaro che gli deve essere resa e che si trova momentaneamente bloccata in un istituto di credito.

Lo scorso luglio, una 60enne residente nella Val d’Alpone veniva contattata tramite l’applicativo di messaggistica “messenger” del social network “Facebook”, occasione in cui l’altro utente, dopo essersi falsamente presentato come un noto cantante italiano, chiedeva alla sua vittima di anticipare una piccola somma di denaro che le avrebbe poi restituito, con la promessa che i due si sarebbero a breve conosciuti di persona; a questa richiesta, ne seguivano altre, per un totale di oltre 16.000 euro. La donna, a fine agosto scorso, dopo essersi resa conto di essere stata truffata ha sporto denuncia nella stazione Carabinieri di San Giovanni Ilarione, che a seguito degli accertamenti svolti è riuscita ad identificare i tre autori della truffa, ovvero tre nigeriani domiciliati in Italia, provvedendo contestualmente a richiedere il sequestro preventivo dei conti correnti a loro intestati.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, donati dagli Alpini di Novaglie tapis roulant e cyclette al reparto Fibrosi cistica di Borgo Trento

massimo

Legnago, sul Salieri cala la scure dello spoil system Longhiano: una poltrona per Shahine?

massimo

San Bonifacio, Soave ha nominato la giunta: Turri è vicesindaco

massimo

Caso caporalato nel Basso Veronese, Mirandola (Uila): «Una macchia sulla produzione agricola veronese»

massimo

Caso di caporalato nella Bassa, la Cgil: «Caporali stranieri ma le aziende sono Veronesi»

massimo

Nuovo caso di caporalato nel Basso Veronese: 33 indiani sfruttati come schiavi nella campagne da due connazionali

massimo