23.1 C
Verona
11 Agosto 2022
In evidenza Manifestazioni Manifestazioni ultimaora Valpolicella

Sabato 23 luglio a San Giorgio in Valpolicella la “Pastasciutta antifascista”

sangiorgio-pieve

L’appuntamento con la “Pastasciutta antifascista” in Valpolicella è diventato da anni un momento irrinunciabile di memoria collettiva. Che si ripeterà sabato 23 luglio dalle 18,30 come sempre nella piazza antistante alla pieve di San Giorgio Ingannapoltron, frazione di Sant’Ambrogio di Valpolicella, in coincidenza con tante altre piazze d’Italia che celebrano la “Pastasciutta antifascista” nel ricordo del sacrificio dei sette fratelli Cervi, uccisi dai Repubblichini fascisti.

I Cervi, alla notizia della caduta del Fascismo, il 25 luglio del 1943, per festeggiare la fine della guerra e della dittatura fascista, decisero con il padre Alcide e la madre Genoveffa, assieme ad altre famiglie, di offrire a tutti nella piazza del loro paese, Campegine, in provincia di Reggio Emilia, una pastasciutta per celebrare, come disse papà Cervi, «il più bel funerale del Fascismo».

La Liberazione verrà solo 20 mesi dopo, al prezzo di molte sofferenze. Quel 25 luglio, però, alla notizia che il Duce era stato arrestato, c’era solo la voglia di festeggiare. Qualche mese dopo Mussolini sarebbe ritornato a capo della Repubblica di Salò e qualche mese dopo ancora i sette fratelli Cervi sarebbero  stati  uccisi dai fucili dei fascisti repubblichini.

Ogni anno a Casa Cervi, a Gattatico (Re), oggi sede del museo dedicato alla storia di questa famiglia esemplare, si rivive la festa. La famiglia Cervi, una famiglia di contadini all’avanguardia, è la rappresentazione più alta di ciò che significa passione, partecipazione, solidarietà, rispetto umano, impegno per la giustizia, la libertà e la democrazia. Oggi più che mai c’è bisogno di recuperare “questo umanesimo di razza contadina” ed anche da San Giorgio, in rete con l’Istituto Cervi, e altre 24 località Italiane, partirò un abbraccio simbolico per condividere gli ideali di questa festa, perché senza memoria non c’è futuro e senza condivisione non c’è rispetto civile.

Il programma prevede alle 18,30 la presentazione a cura di Giambattista Polo  collaboratore dell’istituto Cervi  del libro di Simone Fiorio “Donato  e i segreti di Giazza “;  con presente l’autore. Fiorio, 37 anni, insegnante, appassionato di cultura e storia cimbre, scrive per la rivista “Cimbri/Tzimbar” del Curatorium Cimbricum Veronense.

Alle 19,30 l’inizio delle proiezioni continuative del video di sette minuti dell’installazione “Quadrisfera”  di Casa  Cervi. Alle 20 inizio della distribuzione gratuita della pastasciutta (fino ad esaurimento scorte) preceduta da bruschette a base dei prodotti  e derivati delle olive della Valpolicella. Alle 21 concerto del complesso  musicale i “Nuju”.

Organizzano l’iniziativa l’Istituto Alcide Cervi; Confederazione italiana agricoltori, Cooperativa la Proletaria ANPI; Istituto veronese per la resistenza; “POG”; Circolo di Verona Celia Sanchez Manduley.

 

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo