14.5 C
Verona
27 Settembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Salute, all’ospedale di Borgo Roma la campagna di sensibilizzazione sui tumori testa-collo

Dopo due edizioni svoltesi in modalità digitale a causa della pandemia da Covid-19, torna in presenza dal 19 al 23 settembre “Make Sense Campaign”, la campagna europea di educazione e sensibilizzazione alla diagnosi precoce dei tumori del distretto testa-collo, promossa in Italia dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC).

L’Unità Operativa Complessa di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale di Borgo Roma (Edificio Nord, 1° Piano, presso MDA Ambulatoriale Polispecialistico, ambulatorio n. 34) aderisce all’iniziativa offrendo visite ORL gratuite (fino ad esaurimento posti) da lunedì 19 a venerdì 23 settembre, previa prenotazione (senza impegnativa) inviando un’email all’indirizzo otorinolaringoiatria.ocm@aovr.veneto.it. Al termine della visita, sarà rilasciato un referto manuale per il Medico curante.

Hai la testa a posto? è il motto dell’edizione italiana 2022 della Make Sense Campaign, un monito a porre attenzione ai sintomi dei carcinomi cervico-cefalici, spesso ignorati o associati a malattie stagionali come un comune mal di gola o a un raffreddore. Una rapida comprensione dei sintomi della malattia è cruciale per una diagnosi precoce, in presenza della quale il tasso di sopravvivenza sale all’80-90%, contro un’aspettativa di vita di soli 5 anni per coloro che la scoprono in fase avanzata.

Per carcinoma cervico-cefalico (o del testa-collo) si intendono tutti i tumori che si sviluppano nell’area della testa e del collo ad esclusione di occhi, orecchie, cervello ed esofago. E’ il settimo tumore più comune in Europa, con un’incidenza di circa la metà rispetto al cancro del polmone ma di due volte superiore a quello del collo dell’utero. Solo in Italia nel 2020, 9.900 persone hanno ricevuto una diagnosi di tumore testa-collo e 4.100 non sono sopravvissute alla malattia. I principali fattori di rischio per lo sviluppo di questi carcinomi (in particolare per quelli del cavo orale, dell’orofaringe, dell’ipofaringe e della laringe) sono alcol e tabacco, cattiva igiene orale e insufficiente consumo di frutta e verdura.

1per3 è la regola da tenere sempre a mente. Se presente anche solo uno di questi sintomi per tre settimane o più, è necessario rivolgersi al medico: dolore alla lingua, ulcere che non guariscono e/o macchie rosse o bianche in bocca; dolore alla gola; raucedine persistente; dolore e/o difficoltà a deglutire; gonfiore del collo; naso chiuso da un lato e/o perdita di sangue dal naso.

Condividi con:

Articoli Correlati

Trasporto, protesta della Rete degli studenti medi di Verona: «Bus strapieni, in ritardo e che lasciano a piedi gli abbonati»

massimo

Politiche 2022, eletti alla Camera anche Flavio Tosi (Fi) e Maddalena Morgante (FdI

massimo

Verona, scomparso l’ex Procuratore capo Mario Giulio Schinaia

massimo

Casaleone, torna nel fine settimana la storica “Sagra de Casaleon”

massimo

Politiche 2022, gli eletti nell’uninominale sono Fontana, Maschio e Tosato al Senato

massimo

VeronaFiere, domani il ministro Giorgetti ed il governatore Zaia inaugurano Marmomacc

massimo