7.9 C
Verona
24 Aprile 2024
Cronaca Cronaca In evidenza Verona città

Salute, convegno sul ritorno del parassita della strongiloidiasi

granguardia

L’Unità di Profilassi Malattie Infettive del Dipartimento di Prevenzione dell’azienda Ulss 20 di Verona organizza, in collaborazione con il Centro per le Malattie Tropicali dell’Ospedale Sacro Cuore di Negrar, il convegno “Strongyloidesstercoralis: un parassita che ritorna o che non se ne è mai andato? Risultati di uno studio di sorveglianza condotto nel nord-est Italia e proposte operative”, che si terrà nella mattinata di mercoledì 4 marzo a Verona, a Palazzo della Gran Guardia.

La strongiloidiasi è una parassitosi presente anche alle nostre latitudini, dalla prevalenza ampiamente sottostimata, che può evolvere in forme severe nei soggetti immunodepressi. Il parassita si trasmette attraverso il contatto della cute integra con terreno contaminato (ad esempio, camminando scalzi) ed è in grado di permanere nell’organismo per tutta la vita del soggetto, se non viene somministrato un trattamento adeguato.

Attualmente nel nostro Paese, a seguito del miglioramento delle condizioni igieniche dei terreni, sono rare le nuove infestazioni autoctone, per cui il fenomeno interessa soprattutto gli anziani, esposti al parassita in giovane età, oltre che la popolazione immigrata e i viaggiatori internazionali. Per valutare la reale diffusione dell’infestazione in un ampio campione di soggetti italiani e stranieri, si è avviato e condotto sin dal 2011 uno studio nell’ambito del progetto “Sorveglianza epidemiologica e controllo della strongiloidiasi in aree endemiche delle Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia”, finanziato dal Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie.

Nel corso del convegno saranno presentati i risultati dello studio e avanzate proposte operative per lo screening e il controllo della parassitosi nelle fasce di popolazione a rischio. L’evento sarà un’opportunità di confronto, sensibilizzazione e formazione per operatori di sanità pubblica, medici di medicina generale, medici e operatori sanitari ospedalieri di diverse branche specialistiche.

Condividi con:

Articoli Correlati

Sanità, Bigon (Pd): «Prorogare la graduatoria degli operatori socio sanitari che sta per scadere»

massimo

Verona, due donne di Treviso arrestate perché indagate per una truffa ad un 99enne di Parona

massimo

Verona, 20enne in carcere perché ritenuto autore di sei truffe ai danni di anziani con rapine e sequestro di persona

massimo

Legnago, 24enne pescato dai carabinieri con 50 grammi di hashish: arrestato

massimo

Verona, tentano di rubare in una villetta a San Michele Extra: arrestato dai carabinieri con l’aiuto dei residenti

massimo

Meteo, allerta per pioggia forte, temporali e neve sulle Prealpi

massimo