23.1 C
Verona
14 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Salute, i dati dei tamponi multiplex dell’ospedale di Negrar confermano: «Inverno senza influenza»

Un inverno senza influenza: lo confermano i 18mila tamponi effettuati dall’Ospedale di Negrar che oltre al Covid ricercano anche il virus stagionale. È un autunno-inverno 2020-2021 che sarà ricordato come un’anomalia per quanto riguarda il virus influenzale, che per ora è sostanzialmente assente. A confermarlo sono i tamponi multiplex che l’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria, Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, dallo scorso 4 novembre effettua sempre in caso di richiesta di test molecolari Covid 19.

La metodologia diagnostica, infatti, non solo ricerca il virus Sars-Cov2, responsabile del Covid, ma anche quello dell’influenza A e B, e il virus Rsv di tipo A e B, meglio noto come il virus respiratorio sinciziale che provoca la bronchiolite e la polmonite nei bambini. Su circa 18.000 tamponi naso-faringei processati nel Laboratorio di Microbiologia del Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali dal mese di novembre 2020 ad oggi, per la ricerca contemporanea dei tre virus, nessuno ha dato esito positivo al virus dell’influenza né tanto meno all’Rsv.

«Un’anomalia frutto di una combinazione virtuosa tra la maggiore richiesta della popolazione del vaccino contro l’influenza e le misure adottate per il contenimento del virus Sars Cov2 – sottolinea il dottor Federico Gobbi, infettivologo del Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali -. Entrambi i virus sono a trasmissione respiratoria, la netta diminuzione dei casi di influenza ci dimostra ancora una volta l’importanza di mantenere il distanziamento, di indossare la mascherina e del lavaggio frequente delle mani. In modo particolare in questo momento in cui la pressione sugli ospedali sta diminuendo. Finché non sarà vaccinata un’alta percentuale di popolazione, non rispettare le misure di contenimento significa dare nuovo vigore alla diffusione del virus, come è accaduto dopo l’estate».

Intanto, prosegue l’attività diagnostica Covid, con i tamponi – molecolari e antigenici – in modalità drive in al piano terra del parcheggio di via Salgari. Dall’inizio della pandemia alla fine dello scorso anno, il Laboratorio di Microbiologia del Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali ha processato oltre 90mila tamponi. Attualmente la media giornaliera è di 500 al giorno e il numero comprende le richieste esterne, ma anche gli accessi al Pronto Soccorso, i test riservati ai pazienti che devono subire un intervento, e il supporto agli altri Laboratori dell’Ulss 9. Il referto viene consegnato dopo 24-48 ore dalla raccolta del campione. Ai molecolari si aggiungo gli antigenici, circa 400 al giorno, con referto dopo 15 minuti. Per prenotazioni con impegnativa del medico o a pagamento: www.sacrocuore.it bottone “Prelievo senza coda” oppure 045.6013081. Per le aziende solo telefonicamente al numero 045.6013070.

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo