22.1 C
Verona
16 Luglio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Salute, inaugurata all’ospedale Sacro Cuore di Negrar una panchina gialla contro l’endometriosi

In occasione della Giornata mondiale dell’endometriosi, che si celebra il 28 marzo, oggi all’IRCCS di Negrar è stata collocato nei giardini della struttura una panchina gialla, colore simbolo universale della malattia che esprime la necessità di tenere “accesi i riflettori” su una patologia spesso sottovalutata che tuttavia colpisce solo in Italia 3 milioni di donne. Ragazze la cui qualità di vita è pesantemente condizionata da una malattia causata dalla presenza dell’endometrio (il tessuto che riveste la cavità uterina e si sfalda durante le mestruazioni) fuori dalla sede naturale: intestino, apparato urologico, nervi pelvici. Condizione che comporta dolori invalidanti e che, se tardivamente diagnosticata, può essere causa di infertilità.

Il “Sacro Cuore Don Calabria” dal 2019 è Centro di riferimento regionale per cura della malattia, ma lo sviluppo di tecniche chirurgiche laparoscopiche all’avanguardia e il numero dei casi complessi trattati ogni anno pongono l’Unità Operativa Complessa di Ginecologia, diretta dal dottor Marcello Ceccaroni, tra i centri di livello internazionale. Nel 2022 gli interventi chirurgici sono stati 1.200, il 70% dei quali su pazienti provenienti da fuori regione. Ma sono circa 15mila le donne che complessivamente ogni anno si rivolgono a Negrar a causa dell’endometriosi.

Alla breve cerimonia erano presenti il presidente dell’Ospedale, fratel Gedovar Nazzari, l’amministratore delegato, Mario Piccinini, e il direttore dell’UOC di Ginecologia e Ostetricia, dottor Marcello Ceccaroni.  Alla fine il vicepresidente, padre Miguel Tofful, ha impartito la benedizione.

La panchina, che si trova nei giardini tra Casa Nogarè e l’Ospedale Don Calabria, riporta un QrCode con un’intervista al dottor Ceccaroni e una targa sulla quale è scritta una delle frasi più note del filosofo romano Seneca: “Lieve è il dolore che parla. Il grande dolore è muto”. stata scelta per sottolineare quanto ancora troppo spesso chi soffre di endometriosi debba attendere anni (in media una decina) per una diagnosi. Anni durante i quali le pazienti non sono credute e il cui dolore fisico viene spesso attribuito a cause psicosomatiche. Come ha testimoniato la veronese Cecilia Santoro, 45 anni, presente al taglio del nastro, che solo dopo ben 14 anni di sofferenza ha potuto dare un nome alla sua malattia. Cecilia da alcuni anni è paziente del Centro del dottor Ceccaroni e grazie alle cure ha raggiunto una buona qualità di vita.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, donati dagli Alpini di Novaglie tapis roulant e cyclette al reparto Fibrosi cistica di Borgo Trento

massimo

Legnago, sul Salieri cala la scure dello spoil system Longhiano: una poltrona per Shahine?

massimo

San Bonifacio, Soave ha nominato la giunta: Turri è vicesindaco

massimo

Caso caporalato nel Basso Veronese, Mirandola (Uila): «Una macchia sulla produzione agricola veronese»

massimo

Caso di caporalato nella Bassa, la Cgil: «Caporali stranieri ma le aziende sono Veronesi»

massimo

Nuovo caso di caporalato nel Basso Veronese: 33 indiani sfruttati come schiavi nella campagne da due connazionali

massimo