23.9 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Sanità, all’ospedale di Borgo Trento la macchina che cura i tremori del Parkinson

Un macchinario sanitario in grado di eliminare in tutto o in parte, nell’80% dei pazienti trattati, i gravi tremori provocati dal morbo di Parkinson lavorando senza nessuna invasività, senza chirurgia, senza dolore, senza effetti collaterali. È quella entrata in funzione per la prima volta in Italia all’ospedale Borgo Trento dell’azienda ospedaliera Universitaria Integrata di Verona dove oggi, alla presenza del presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, dell’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, del sindaco di Verona, Federico Sboarna del direttore generale dell’Azienda Sanitaria, Pietro Girardi, è stata presentata al pubblico dopo un periodo di utilizzo che ha permesso di testarne la straordinaria efficacia.

La macchina si chiama “MRgFUS Magnetic Resonance guided Focused Ultrasound”, è prodotta in Israele, ed è costata 7 milioni e 087 mila euro, dei quali 1 milione 360 mila come contributo della Fondazione Cariverona e il rimanente investito dall’Aoui veronese utilizzando gli utili ottenuti nel corso della gestione.

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo