9.2 C
Verona
12 Aprile 2021
Cronaca In evidenza ultimaora

Sanità, l’ospedale di Negrar entra nella rete di ricerca “Alleanza Contro il Cancro”

L’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar entra a far parte di “Alleanza Contro il Cancro” (ACC), la più grande organizzazione di ricerca oncologica italiana. Il “Sacro Cuore Don Calabria” è riconosciuto come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico per le malattie infettive e tropicali ed è entrato a far parte di “Alleanza Contro il Cancro” in quanto risponde a tutti i requisiti richiesti per gli IRCCS oncologici: dall’attività di ricovero alla dotazione tecnologica, dall’attività di ricerca alle pubblicazioni scientifiche.

«Entrare a far parte di “Alleanza Contro il Cancro” è una prestigiosa attestazione del valore dell’attività finora svolta dal nostro ospedale come Cancer Care Center – afferma la dottoressa Stefania Gori, direttore del Dipartimento Oncologico -. Un riconoscimento che premia tutte le Unità Operative del “Sacro Cuore Don Calabria” impegnate nella diagnostica, nella cura e nella ricerca sui tumori. Nello stesso tempo è una grande opportunità di sviluppo in questi tre ambiti dell’attività oncologica, perché solo facendo rete e quindi mettendo in comune le conoscenze si possono curare con efficacia le persone con malattia oncologica».

Fondata nel 2002 dal Ministero della Salute, ha come obiettivo quello di promuovere la collaborazione tra gli IRCCS oncologici allo scopo di incrementare la ricerca a fini diagnostici e terapeutici. I soci fondatori sono stati l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma, il Policlinico San Martino di Genova, la Fondazione Pascale di Napoli, il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano e l’Istituto Oncologico Giovanni Paolo II di Bari. Ad oggi fanno parte di ACC 27 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), costituendo una rete che numericamente si traduce in 7.600 ricercatori, 5.100 pubblicazioni, 150mila ricoveri e 4.400 studi clinici all’anno.

Attualmente l’Ospedale di Negrar è coinvolto in “Health Big Data”, un progetto congiunto delle reti IRCCS di “Alleanza Contro il Cancro”, di Neuroscienze e Riabilitazione e di Cardiologia. Di durata decennale, esso si pone come obiettivo la creazione di una piattaforma tecnologica che consenta la raccolta, condivisione e analisi di dati clinici e scientifici dei pazienti di ciascun IRCCS allo scopo di accelerare la transizione verso una medicina di precisione e personalizzata. Il che significa prevenzione delle malattie, personalizzazione delle cure e miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

Articoli Correlati

Lotta al Covid, già 154 le farmacie veronesi disponibili per le vaccinazioni

massimo

Agricoltura, ricerca e innovazione così l’agricola Disconzi esporta insalata e ortaggi in tutta Europa

massimo

Verona, da poco uscito dal carcere per spaccio è stato sorpreso con 9 dosi di eroina: verrà espulso

massimo

Salute, domani l’evento online “Asma, Rinite Allergica, Covid-19 e continuità terapeutica”

massimo

Verona, il Comune apre le iscrizioni alle vacanze in campeggio per famiglie

massimo

Legnago, i fanti ricordano i 40 anni dall’inaugurazione del loro Monumento a Porto

massimo