12.6 C
Verona
16 Ottobre 2021
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Sanità, un super laboratorio per la lotta a virus e batteri inaugurato all’ospedale di Negrar

Un super laboratorio per la lotta a virus e batteri. È quello inaugurato oggi all’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico “Sacro Cuore Don Calabira ” di Negrar dall’assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin.

Si tratta in realtà di due nuovi laboratori per la ricerca in vitro di agenti infettivi del Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali e Microbiologia, di cui uno è ad alto biocontenimento (grado di sicurezza 3 su 4), dove verrà isolato e coltivato anche il virus SARS-CoV-2 e altri virus potenzialmente molto pericolosi come come West Nile, originario dell’Africa ma da anni presente in alcune zone d’Italia. Inoltre, saranno oggetto di ricerca il virus della dengue e chikungunya, endemici nelle regioni tropicali, ma che hanno già causato focolai epidemici anche in Occidente perché possono essere trasmessi dalla “zanzara tigre”. Un altro ambito di ricerca sarà sui micobatteri, che causano gravissime patologie, tra cui la tubercolosi e la lebbra.

Con l’acquisizione di nuovi spazi e di nuove dotazioni tecnologiche, L’Irccs si arricchirà anche di prestigiose consulenze provenienti dall’Istituto Spallanzani di Roma: i professori Maria Rosaria Capobianchi e Antonino Di Caro entrambi virologi. Inoltre il laboratorio di classe 3 sarà diretto dalla dottoressa Concetta Castilletti, loro allieva e collaboratrice. Sono tutti ricercatori del gruppo che per primo ha isolato il virus SARS-CoV-2 in Italia.

« Sulla sorveglianza di questi virus l’Ospedale di Negrar collabora attivamente già da oltre 10 anni con la Regione Veneto, e ora sarà in grado di effettuare una ricerca di livello avanzato anche in laboratorio, confermando di essere una vera e propria eccellenza, veneta e nazionale, in vari campi, compreso un settore sempre più importante, delicato e difficile come la ricerca e la cura nel campo delle malattie infettive e tropicali – ha detto l’assessore regionale Lanzarin -. I due nuovi Laboratori di biocontenimento per la ricerca in vitro di patogeni sono particolarmente importanti, per tutte le attività che vi si svolgeranno, ma in particolare per rafforzare la lotta al Covid sul fronte della ricerca. Un ulteriore passo per garantire sempre più salute alla gente».

«La cronaca degli ultimi due anni, dominata dalla pandemia di SARS-CoV-2, rende quasi superfluo sottolineare l’importanza di un laboratorio ad alto biocontenimento – ha spiegato il professor Zeno Bisoffi, direttore del Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali e Microbiologia -. Saremo in grado di isolare e coltivare i microorganismi del gruppo di rischio 3, agenti che causano gravi patologie e che costituiscono un serio rischio per il personale addetto. Questi laboratori sono dotati dei più elevati standard di biosicurezza con strumentazione di avanguardia, e il personale deve essere altamente specializzato e adeguatamente formato. Solo gli agenti di classe 4 (un esempio per tutti il virus Ebola) costituiscono un rischio ancora più elevato, essendo altamente letali».

«Poche settimane fa abbiamo ricevuto dal Ministero della Salute la conferma del riconoscimento di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per le Malattie Infettive e Tropicali, decretato nel 2018 e sottoposto a verifica ogni due anni – è intervenuto Mario Piccinini, amministratore delegato dell’Irccs -. Una conferma frutto di un notevole lavoro di ricerca (171 pubblicazioni dal 2019) nonostante il gravoso carico assistenziale e diagnostico dovuto alla pandemia. Con l’attivazione di questi due nuovi Laboratori di biocontenimento vogliamo non solo intensificare, ma anche qualificare ulteriormente l’attività scientifica nell’ambito delle malattie infettive, la cui importanza ci ha toccati tutti da vicino. Tutto questo in una logica di collaborazione innanzitutto con la Regione Veneto, e poi con le istituzioni italiane e internazionali».

L’inaugurazione è avvenuta in occasione della Festa patronale di San Giovanni Calabria e il Superiore Generale dei Poveri Servi della Divina Provvidenza, padre Miguel Tofful, ha presieduto la Messa, durante la quale il presidente del “Sacro Cuore Don Calabria”, fratel Gedovar Nazzari, ha annunciato l’apertura del Centenario dell’Ospedale.

 

Condividi con:

Articoli Correlati

Lotta al Covid, in farmacia oltre 4000 tamponi al giorno. Vecchioni: «Aumentata la richiesta, ma non ci sono assembramenti»

massimo

Sorgà, aperti i cantieri del cavalcaferrovia sulla provinciale per Bonferraro

massimo

Cerea, torna dopo due anni rinnovata la festa “Gusato de’ l’Anara” ad Asparetto

massimo

Colognola ai Colli, da lunedì sospesa la circolazione sulla provinciale 37

massimo

Trasporti, la Cgil sui problemi di Atv per l’obbligo Green Pass: «Una scusa per non pagare straordinari»

massimo

Verona, tre feriti di cui uno grave nello scontro tra un’auto ed un Tir

massimo