16.4 C
Verona
19 Maggio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Sant’Ambrogio di Valpolicella, l’eurodeputato Borchia nominato Cavaliere dell’Ordine dell’Amarone e del Recioto

«Sono lusingato e profondamente emozionato per essere stato insignito della onorificenza di Cavaliere del Sovrano e Nobilissimo Ordine dell’Amarone e del Recioto». L’ha detto Paolo Borchia, eurodeputato veronese della Lega, con un passato da marmista, a margine della cerimonia di investitura celebrata oggi a Sant’Ambrogio di Valpolicella in occasione della Festa dei Santi Coronati, patroni dei marmisti. Borchia è stato, infatti, nominato “Cavaliere del Sovrano e Nobile Ordine dell’Amarone e del Recioto”.

«Questa nomina rappresenta un importante momento di riconoscimento delle eccellenze del territorio veronese ed è per me non solo motivo di forte orgoglio ma di estrema gratitudine. Ringrazio il Gran Consiglio dello “Snodar” per avermi concesso di far parte di questa importante Confraternita alla quale appartengono persone che si sono distinte per capacità culturali, professionali, istituzionali, imprenditoriali e sociali, contribuendo con il loro impegno e il loro lavoro allo sviluppo e al progresso della nostra società. Ma rivolgo il mio più sentito ringraziamento all’As.ma.ve-Consorzio Marmisti Veronesi e all’amministrazione comunale di Sant’Ambrogio di Valpolicella per aver segnalato la mia candidatura e avermi così concesso di dare il contributo a questa splendida terra».

Condividi con:

Articoli Correlati

Bussolengo, il tour sulla sicurezza nella scuola della Regione arriva all’istituto Marie Curie

massimo

Verona, incontro sul tema della diffamazione online

massimo

Soave, dalle cantine le bottiglie di Recioto per la messa di Papa Francesco a Verona

massimo

Verona, oltre 2400 fotografi in gara da tutt’Italia al “The Photo Show”

massimo

Legnago, domani e domenica la mostra di pittura di Monica Saggioro alla Cascina del Parco

massimo

Maltempo, il Guà rompe gli argini e allaga i campi del Basso ed Veronese. La Cia: «Da anni gli agricoltori denunciano il pericolo»

massimo