17.7 C
Verona
27 Settembre 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

Scongiurato il pericolo che l’inquinamento provocato dall’incendio di Brendola si allargasse. Tra 24ore via all’irrigazione

«È stato scongiurato il pericolo che l’inquinamento provocato dall’incendio di una fabbrica di vernici di lunedì scorso a Brendola potesse allontanarsi dalla zona inizialmente circoscritta tra Brendola e il fiume Guà». A darne notizia, dopo aver verificato i dati Arpav relativi ai campionamenti odierni, è Nicola Dell’Acqua, direttore dell’area tutela e sviluppo del territorio di Regione del Veneto.

«I risultati degli ultimi campionamenti sui corpi idrici dicono che rimangono solo tracce di sostanze inquinanti – spiega l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente del Veneto – in via precauzionale per la giornata di domani proseguiremo i campionamenti prima di dare il via libera al sistema delle irrigazioni. Possiamo affermare che, grazie ad un grande impegno da parte di tutti, il piano degli interventi è riuscito e che l’inquinamento è rimasto circoscritto ad una limitata una limitata porzione del fiume Guà, che sarà tenuto sotto controllo per un’altra settimana».

«Il via libera alle irrigazioni sarà dato fra 24 ore – conclude Dell’Acqua – dopo una serie di analisi che stanno dando risultati di continuo miglioramento. Preciso che il risultato è stato ottenuto anche realizzando delle traverse di rallentamento che hanno permesso il prelievo di centinaia di mc di liquidi inquinanti. Azione che prosegue, comunque, in più località».

L’operazione ha avuto esito positivo grazie ad un piano di interventi d’emergenza messo in atto nel territorio fra Cologna Veneta e Lonigo, tra le province di Verona e Vicenza, che ha coinvolto da lunedì decine di uomini di Protezione Civile Regionale, volontari, Vigili del Fuoco e personale specializzato del Consorzio di Bonifica Alta Pianura Veneta e del Consorzio Leb.

«È stato fatto tutto il possibile e l’impossibile dal punto di vista tecnico per scongiurare l’inquinamento a seguito dell’evento estremo di martedì sera – sottolinea l’assessore regionale all’ambiente e alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin – visto e considerato che più di così dal punto di vista tecnico era impossibile fare. Controllare l’inquinamento in un corso d’acqua in regime turbolento a seguito di un evento idraulico estremo è una cosa quasi tecnicamente impossibile e, invece, ci siamo riusciti».

Condividi con:

Articoli Correlati

Politiche 2022, eletti alla Camera anche Flavio Tosi (Fi) e Maddalena Morgante (FdI

massimo

Verona, scomparso l’ex Procuratore capo Mario Giulio Schinaia

massimo

Casaleone, torna nel fine settimana la storica “Sagra de Casaleon”

massimo

Politiche 2022, gli eletti nell’uninominale sono Fontana, Maschio e Tosato al Senato

massimo

VeronaFiere, domani il ministro Giorgetti ed il governatore Zaia inaugurano Marmomacc

massimo

S. Bonifacio, 5 denunciati per guida in stato di ebrezza e due sorpresi ubriachi a infastidire i passanti

massimo