2 C
Verona
9 Febbraio 2023
In evidenza Politica ultimaora

Scontri per comizio Casapound a Genova: Rotta (Pd), Salvini chiarisca il pestaggio al giornalista

L’onorevole Alessia Rotta

«Il ministro dell’Interno. Matteo Salvini, chiarisca quanto accaduto ieri a Genova, perché siamo ancora in uno Stato di diritto ed è necessario individuare le responsabilità e la catena di comando che ha portato alcuni uomini delle forze dell’ordine a picchiare selvaggiamente il giornalista Stefano Origoni».

Lo dichiara l’onorevole vereonese Alessia Rotta, vicepresidente vicaria dei deputati del Partito Democratico. «Cosa sarebbe successo se Origoni non fosse stato un giornalista? – si chiede la deputata Dem – Si è trattato di un pestaggio nei confronti di un uomo disarmato che, in questo caso, era alla manifestazione per svolgere il suo lavoro di cronista. A Genova, città medaglia d’oro alla resistenza, è stata concessa l’autorizzazione al comizio di Casapound, formazione politica che non fa mistero della sua impronta dichiaratamente fascista e che non perde occasione per fare apologia. A Casapound viene concessa la piazza, mentre chi è lì per testimoniare e raccontare i fatti viene massacrato di botte. Oggi la Procura ha aperto le indagini sull’accaduto, ma – conclude Rotta – il ministro dell’Interno non può pensare di non avere responsabilità».

Condividi con:

Articoli Correlati

Formazione, 2.000 studenti hanno partecipato all Giornata internazionale sulla sicurezza in internet 

massimo

Cattolica trasferisce attività in Piemonte e la Cgil attacca: «Generali mostra il suo vero volto mettendo a rischio 90 posti di lavoro alla Insurecom»

massimo

Formazione, presentato il Piano Operativo Regionale “Persi, dispersi e ritrovati: le politiche per i giovani”

massimo

Negrar, i Carabinieri pedinano uno spacciatore fino a Montebello (Vicenza) per arrestarlo

massimo

Verona, sbloccato a Roma dal Cipess il progetto del Filobus con 6,73 milioni di euro di contributo in più

massimo

Verona, Adiconsum ottiene dall’Arbitro Bancario Finanziario il rimborso di 4.200 euro truffati ad un cittadino tramite sms

massimo