31.2 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Scuola, all’Enaip il concorso regionale “La Salute nel Piatto” di Lega italiana lotta ai tumori

Sì è concluso il 3 giugno concorso “La Salute nel Piatto” partito l’11 marzo 2021 e promosso dal Coordinamento LILT del Veneto e patrocinato della Regione del Veneto, dall’Istituto Oncologico Veneto e da tutte le Province del Veneto. Il concorso ha visto il coinvolgimento di quasi 400 studenti e studentesse degli istituti alberghieri di tutto il territorio regionale impegnati nell’ideazione, creazione e promozione dei loro piatti della salute.

L’obiettivo è stato diffondere i principi di un’alimentazione sana ed equilibrata in base alle raccomandazioni fornite dal Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro (WCRF), che da anni si occupa del rapporto tra cancro e alimentazione. I partecipanti dovevano presentare un “piatto della salute” che rispettasse le indicazioni del “Piatto del Mangiar Sano” creato dagli esperti di nutrizione della Harvard T.H. Chan School of Public Health (composto da 50% vegetali, 25%carboidrati, 25% proteine) e le specifiche date dalla commissione di esperti di alimentazione di LILT Veneto.

A vincere un dal gruppo di studenti dell’Istituto Enaip Veneto IS di Noale, coordinato dai professori Mattia Callegaro e Alessandro Fusco, intitolato “Gita al Mare in Primavera”. Questa è stata la ricetta che più ha rispettato i criteri del concorso: profilo nutrizionale della proposta, varietà degli ingredienti utilizzati e stagionalità, tipicità territoriale, metodi di cottura utilizzati e impiattamento, facilità di riproduzione domestica e visibilità sui social media.

«Tutti i 37 piatti della salute arrivati per il concorso sono stati giudicati positivamente, nonostante ancora si faccia fatica a rispettare le proporzioni indicate dal “Piatto del mangiar sano”. In particolare, sia nelle ricette arrivate, che nel mondo della ristorazione si dedica troppo poco spazio ai vegetali, che invece devono rappresentare almeno la metà del contenuto di ogni nostro pasto, come indicato dagli esperti di nutrizione della Harvard T.H. Chan.», ha commentato la commissione del concorso composta dal team di esperti di alimentazione LILT, dai delegati delle province venete e dall’associazione regionale “Città dell’Olio”.

Ora, il Coordinamento Veneto della Lega Italiana Lotta ai Tumori ha deciso di pubblicare, a settembre, con il lancio della seconda edizione del progetto, una raccolta di ricette dedicata alla sana alimentazione, per dare evidenza dell’impegno di ciascuno studente e ciascuna studentessa partecipante.

«È oramai dimostrato che la prevenzione dei tumori passa anche attraverso una corretta alimentazione. L’Italia, ed il Veneto in particolare, hanno nella tradizione della buona tavola una vasta gamma di elementi da scoprire per migliorare la cultura dell’approccio alla cucina, e quindi ai corretti stili di vita. Ho sposato fin da subito e con profonda convinzione il progetto “La salute nel piatto” della LILT perché ha voluto coinvolgere giovani studenti delle nostre scuole facendoli diventare i migliori testimonial per i loro coetanei», ha concluso l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione, Elena Donazzan.

Condividi con:

Articoli Correlati

Illasi, alla vista dei carabinieri scappa a folle velocità saltando due semafori: arrestato

massimo

Verona, al “Mura Festival” la musica dei “Joe Sanketti y Otravez”

massimo

Legnago, uomo colpito dal virus “West Nile” causato dalla puntura di zanzara infetta

massimo

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo