31.2 C
Verona
11 Agosto 2022
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Sorgà, Confagricoltura: «La superficie della discarica di “car fluff” resta troppo alta»

I Giovani di Confagricoltura Verona hanno espresso ieri, giovedì 11 marzi, la loro contrarietà alla rimodulazione presentata dalla società Rottami metallici Italia (Rmi) in merito al progetto di una discarica di “car fluff” da realizzare in località De Morta, a Pontepossero, nel Comune di Sorgà. La rimodulazione, presentata alla Regione Veneto la settimana scorsa, prevede sostanzialmente una diminuzione della durata di vita della discarica (da 10 anni a 6), una diminuzione dei quantitativi di rifiuti conferiti (da 1,5 milioni a 950.000 tonnellate) e una riduzione della superficie interessata alla discarica, che passerebbe da 180.000 a 116.000 metri quadrati. Ma la sostanza non cambia.

«Non siamo soddisfatti del nuovo progetto modificato e rimodulato – afferma Piergiovanni Ferrarese (nella foto), presidente dei Giovani di Confagricoltura Veneto e Verona -. La superficie dedicata alla discarica rimane infatti ancora molto alta e i rischi quindi permangono. Non cambiano, quindi le nostre motivazioni di contrarietà all’impianto, sia in merito alla fragilità idrogeologica del territorio, sia sui possibili danni alle coltivazioni Igp presenti sul territorio, dal riso al radicchio, ma anche a mele, pesche, kiwi, ortaggi, cereali e proteoleaginose. Importante anche la zootecnia con gli allevamenti di bovini da latte e da carne, oltre che di suini e avicoli. Attività che costituiscono la fonte di reddito per numerose aziende agricole e centinaia di addetti».

Condividi con:

Articoli Correlati

Illasi, alla vista dei carabinieri scappa a folle velocità saltando due semafori: arrestato

massimo

Verona, al “Mura Festival” la musica dei “Joe Sanketti y Otravez”

massimo

Legnago, uomo colpito dal virus “West Nile” causato dalla puntura di zanzara infetta

massimo

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo