4.2 C
Verona
7 Dicembre 2023
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Sorgà, la Provincia di Verona interverrà nel giudizio al Tar contro il Sì della Regione alla discarica di car fluff

La Provincia di Verona ha affermato ieri di voler intervenire nel giudizio, attualmente pendente al Tribunale amministrativo regionale del Veneto e riguardante il ricorso per l’annullamento del provvedimento regionale che autorizza la discarica di car fluff a Sorgà. A comunicarlo il presidente Flòavio Pasini, che è anche sindaco di Nogara, parlando di intervento in supporto al ricordo promosso dal Comune di Sorgà per l’annullamento del provvedimento autorizzatorio unico regionale per la realizzazione e l’esercizio della discarica per car fluff in località Demorta a Pontepossero di Sorgà.

«Accolgo con piacere l’annuncio della Provincia di Verona che afferma di voler intervenire nel giudizio, attualmente pendente presso il Tar del Veneto e riguardante il ricorso per l’annullamento del provvedimento regionale che autorizza la discarica di car fluff a Sorgà – ha commentato la consigliera regionale Cristina Guarda di Europa Verde -. Giusto qualche settimana fa, poco prima della notizia dell’accoglimento da parte del Tar della richiesta di sospensiva avanzata dal Comune di Sorgà, avevo sollecitato la Provincia di Verona a intervenire, portando così nel giudizio le proprie ragioni di contrarietà alla realizzazione della discarica, ragioni che l’ente aveva manifestato già all’inizio di questa vicenda».

Condividi con:

Articoli Correlati

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Soave, domani il “Natale delle Associazioni e dei Volontari”

massimo

Legnago, creato un “Christmas Corner” alla Casa di riposo

massimo

X-Factor, è l’ora della finale: la veronese Maria Tomba data in pole per la vittoria

massimo

Legnago, sabato si inaugura la mostra personale di Piera Legnaghi

massimo

Casaleone, da domenica 3 dicembre gli eventi del Natale dal capoluogo a Sustinenza e Venera

massimo