15.2 C
Verona
30 Settembre 2022
Economia In evidenza ultimaora

Sostegno alla Pmi, la Regione aumenta di 10 milioni (portandolo a 70) il fondo per il microcredito

La Regione Veneto aumenta di altri 10 milioni di euro la dotazione del fondo per il microcredito alle Piccole e medie imprese. È quanto deciso ieri, 3 gennaio, dalla giunta Zaia con l’approvazione della delibera che prevede l’aumento di ulteriori 10 milioni di euro della dotazione finanziaria dell’intervento straordinario per la liquidità delle imprese colpite dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, portando così il fondo complessivo della misura a 70 milioni di euro. Nella delibera si autorizza altresì Veneto Sviluppo ad utilizzare, la liquidità presente nel fondo unico istituito in attuazione della legge regionale 21/2020 per la concessione del finanziamento agevolato e del contributo a fondo perduto associato, pari a un massimo di 3.000 euro a copertura delle spese di istruttoria e di gestione della pratica.

«In un inizio anno segnato dall’incertezza per l’aumento dei costi energetici e tutta una serie di problemi legati ad approvvigionamenti e logistica, abbiamo voluto dare un ulteriore segnale alle nostre imprese, aumentando di 10 milioni di euro il fondo straordinario per il microcredito gestito da Veneto Sviluppo. È una misura che, fino ad oggi, ha riscosso notevole successo tra le nostre imprese, grazie all’efficienza di risposta», ha detto l’assessore regionale allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato (nella foto).

«I dati dimostrano che le imprese venete apprezzano molto questa misura sia perché si tratta di un finanziamento a costo zero sia per la rapidità dell’iter – sottolinea Marcato –. Ci siamo impegnati a rendere meno burocratiche le procedure per facilitare gli imprenditori e ciò, a inizio anno e con le prospettive legate all’attuale scenario economico, è ancora più importante. La Regione, come sempre, è accanto ai suoi imprenditori e continua a sostenerli con tutti i propri mezzi».

Dai dati del monitoraggio di Veneto Sviluppo, infatti, si evince che la linea di intervento attivata dalla Regione a luglio 2020, a fine novembre 2021 registrava un forte riscontro tanto che, in pari data, risultava utilizzato quasi il 95% dello stanziamento disponibile, con 1.444 domande ammesse all’agevolazione, per un controvalore in termini di risorse regionali impegnate pari a euro 56.495.857,08.

Condividi con:

Articoli Correlati

Poste Italiane, i cittadini di Legnago, S. Bonifacio, Pescantina coinvolti nel progetto “Etichetta la cassetta”

massimo

Legnago, lutto nel mondo politico e sindacale per la scomparsa di Rolando Vedovelli

massimo

Scuola&Alimentazione, lanciato dalla sede Enaip il concorso “La salute nel piatto”

massimo

Verona, perde il controllo dell’auto e finisce contro un Tir colpendone il serbatoio: illeso ma strada chiusa per 3 ore

massimo

Salute, aperte le prenotazioni per le seconde dosi booster dai 12 anni in sù

massimo

Associazioni, i 50 anni dei “Veronesi nel mondo” e la “Giornata dei veneti nel Mondo”

massimo