25.1 C
Verona
16 Giugno 2021
Cronaca In evidenza ultimaora

Studio dell’Ateneo di Verona: Tra il 2005 e il 2015, oltre 10.000 medici e 8.000 infermieri hanno lasciato l’Italia

Tra il 2005 e il 2015, oltre 10.000 medici e 8.000 infermieri hanno lasciato l’Italia, dirigendosi soprattutto verso il Regno Unito (33%) e la Svizzera (26%). La carenza di personale e le dimensioni dei flussi migratori variano notevolmente tra regioni, con il Veneto che risulta essere tra le più colpite.

A dirlo è la ricerca “Le motivazioni e le conseguenze della mancanza di personale medico in Italia” con cui la veronese Paola Bertoli è risultata tra i vincitori del bando 2018 del Programma Rita Levi Montalcini, promosso dal Ministero dell’Università e della Ricerca per consentire a giovani ricercatori che lavorano all’estero di svolgere la loro attività di ricerca in una delle università statali italiane. E Bertoli ha scelto quella di Verona dove si è laureata nel 2014. Quindi ha conseguito il dottorato di ricerca nell’ambito di un programma di dottorato congiunto tra l’università di Bologna, l’Erasmus University Rotterdam e l’università di Amburgo.

«Il progetto “Le motivazioni e le conseguenze della mancanza di personale medico in Italia” vuole studiare la distribuzione del personale medico e i relativi flussi migratori nel contesto italiano. L’Italia si presta particolarmente bene a questa ricerca considerato che la mancanza di medici ed infermieri è da lungo tempo centro di un dibattito pubblico ed è ancor più di attualità in questi mesi con l’emergenza Covid», conclude la professoressa Bertoli che ieri, martedì 27 ottobre, ha ricevuto i complimento del magnifico rettore Pier Francesco Nocini.

Tra il 2005 e il 2015, oltre 10.000 medici e 8.000 infermieri hanno lasciato l’Italia, dirigendosi soprattutto verso il Regno Unito (33%) e la Svizzera (26%). La carenza di personale e le dimensioni dei flussi migratori variano notevolmente tra regioni, con il Veneto che risulta essere tra le più colpite.

A dirlo è la ricerca “Le motivazioni e le conseguenze della mancanza di personale medico in Italia” con cui la veronese Paola Bertoli è risultata tra i vincitori del bando 2018 del Programma Rita Levi Montalcini, promosso dal Ministero dell’Università e della Ricerca per consentire a giovani ricercatori che lavorano all’estero di svolgere la loro attività di ricerca in una delle università statali italiane. E Bertoli ha scelto quella di Verona dove si è laureata nel 2014. Quindi ha conseguito il dottorato di ricerca nell’ambito di un programma di dottorato congiunto tra l’università di Bologna, l’Erasmus University Rotterdam e l’università di Amburgo.

«Il progetto “Le motivazioni e le conseguenze della mancanza di personale medico in Italia” vuole studiare la distribuzione del personale medico e i relativi flussi migratori nel contesto italiano. L’Italia si presta particolarmente bene a questa ricerca considerato che la mancanza di medici ed infermieri è da lungo tempo centro di un dibattito pubblico ed è ancor più di attualità in questi mesi con l’emergenza Covid», conclude la professoressa Bertoli che ieri, martedì 27 ottobre, ha ricevuto i complimento del magnifico rettore Pier Francesco Nocini.

Condividi con:

Articoli Correlati

Salizzole, domani il trofeo di ciclismo per giovanissimi del Gs Italo

massimo

Verona, assemblea pubblica del centro sinistra in vista delle amministrative 2022

massimo

Verona, all’Università convegno internazionale sul ruolo dell’Unione europea nel Mondo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Bardolino, Raoul Bova al Film Festival con il suo “Ultima gara”

massimo

Dazi Usa, Abbona (Unione italiana vini): «Bene la sospensione di 5 anni del contezioso»

massimo