15.2 C
Verona
3 Marzo 2021
Basso Veronese Economia Economia In evidenza ultimaora

Tabacchicoltura, l’Italtab di Casaleone si aggiudica il contratto pluriennale con la British American Tobacco

La cooperativa di tabacchicoltori “Italtab” che ha sede a Casaleone ma che raggruppa circa 350 aziende del settore nelle quattro regioni della tabacchicoltura italiana del Veneto, Campania, Umbria e Toscana, si è aggiudicata ieri il contratto di fornitura pluriennale di tabacco con il colosso multinazionale British American Tobacco, la Bat, seconda azienda mondiale produttrice di sigarette.

A comunicarlo è oggi l’assessore regionale all’agricoltura, Giuseppe Pan: «Il contratto pluriennale con un colosso multinazionale come British American Tobacco è un’ottima notizia, perché dà respiro ad una filiera tipica della tradizione italiana e premia il lavoro cooperativo di Italtab, che nel Veronese ha un vero e proprio polo di eccellenza con 25 aziende che garantiscono la maggior parte della produzione lorda vendibile e assicurano lavoro ad oltre duemila addetti tra diretti e indiretti. Una filiera che va sostenuta anche dallo Stato con produttori e trasformatori chiedono di non essere esclusi dalle provvidenze del Fondo per la competitività delle filiere agricole».

L’accordo, di durata triennale, prevede la fornitura annua di 4500 tonnellate di prodotto, di cui il 70 per cento coltivato e raccolto a Verona, il restante nelle province di Vicenza, Padova, Treviso e Venezia.

Articoli Correlati

Verona, farmacisti truffati da falsi funzionari della Camera di Commercio

massimo

Missioni: Rebecca, 28 anni, in Sud Sudan con Medici con l’Africa Cuamm

massimo

Lotta al Covid, l’ospedale di Negrar diventa centro vaccinale per la popolazione

massimo

Vitivinicoltura, da oggi il Soave ha il suo “Protocollo sull’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari”

massimo

Peschiera del Garda, 2 arresti e 1 chilo di eroina sequestrati dalla Guardia di Finanza

massimo

Inquinamento, le Mamme No Pfas scrivono al ministro Cingolani: «Chiediamo limiti Zero»

massimo