16.3 C
Verona
17 Aprile 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Tanti veronesi a Lisbona a piedi per l’incontro del Papa con giovani di tutto il mondo

Con 150 i chilometri sulle spalle, o meglio sulle gambe, tanti giovani veronesi sono finalmente arrivati a Porto, tappa conclusiva del loro pellegrinaggio iniziato nei giorni scorsi da Santiago de Compostela, prima della tappa finale verso Lisbona dove si terrà la Giornata mondiale della gioventù con Papa Bergoglio.

«È stato un cammino tosto, sono stati tanti i chilometri percorsi in pochi giorni, e il tempo non è sempre stato clemente, a tratti è scesa una pioggia battente! Ma l’ondata di entusiasmo tra di noi è molto forte, abbiamo gioito insieme a Porto, la destinazione del nostro cammino», racconta Marika Marconcini, una delle giovani viandanti della parrocchia di Vigasio, al termine della tappa finale, che ha richiesto uno sforzo importante ai partecipanti dati i circa 28 i Km di marcia da Labruge alla città.

A Porto, i giovani hanno trovato alloggio presso i Salesiani. Molto partecipata la celebrazione della messa, presieduta da don Riccardo Bodini, coparroco di Bovolone, il quale ha ricordato ai ragazzi quanto non sia scontata la scelta che hanno fatto di essere qui: «Dovete essere molto grati per il vissuto e per il fatto di essere arrivati tutti quanti, insieme, fino alla fine. Non è scontato, vedere dei giovani che investono tempo, fatica, soldi per vivere questo momento».

Anche gli avventurosi veronesi in canoa sono arrivati anch’essi a destinazione dopo aver percorso l’ultima tappa di 17 km da Costancia a Chamusca, risalendo il fiume Tago. Luca Melchiori, di Valeggio, condivide la fatica e la bellezza dell’ultimo giorno: «È stato il quinto giorno trascorso pagaiando, uno di quelli in cui la fatica del vento contro si è fatta sentire. Pur essendo in una zona nella quale la corrente del fiume è solitamente forte, con il vento e le correnti non favorevoli, la navigazione ci riporta sempre a quello che abbiamo imparato bene in questi giorni, ovvero che la natura è nostra amica».

Altro gruppo che sta chiudendo il suo l’itinerario speciale prima dell’arrivo a Lisbona è il gruppo dei 18enni.  Per loro sosta dapprima a Lourdes, poi Sonseca, Toledo, quindi Madrid e Avila. Chiara, di Povegliano, racconta l’emozione del grande incontro a Lisbona con migliaia e migliaia di coetanei: «Mi ha colpito vedere altre culture e persone provenire da luoghi distanti nello stesso luogo vicino a me. Mi ha impressionato l’energia, l’unione e il sostenersi di tutti i gruppi qui presenti, italiani e non. Non avrei mai pensato che questa esperienza potesse veramente smuovermi qualcosa nel cuore. Ho incontrato ragazzi della mia età, ospitanti, animatori, preti, che il cuore me l’hanno riempito. Vedere la gentilezza delle persone ospitanti, la voglia di unirci tutti, anche se di Paesi differenti, mi ha dato veramente la speranza nell’umanità».

Ora anche gli oltre 1200 giovani veronesi sono pronti per la tre giorni di incontri con Papa Francesco a Lisbona, “capitale del mondo” in queste giornate dove circa un milione di giovani si sono dati appuntamenti insieme al Pontefice. Il vescovo di Verona, Domenico Pompili, è atterrato oggi a Lisbona e domani incontrerà i giovani scaligeri per un momento di preghiera e la messa insieme.

Condividi con:

Articoli Correlati

Soave, domenica 21 aprile la gara di pesca dedicata ai ragazzi under 14 dell’Est Veronese

massimo

Illasi, 8 persone denunciate dai carabinieri: rubavano migliaia d bottiglie di vino nella fase di trasporto

massimo

Legnago, identificati e denunciati 9 stranieri per la rissa in piazza a Porto

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Europee, Borchia (Lega): «Onorato per candidatura, viaggio continua con serietà, idee, presenza territorio»

massimo

Ciclismo, Magagnotti regala la prima vittoria stagionale al team Autozai Contri

massimo