22.9 C
Verona
11 Agosto 2022
In evidenza Spettacoli & cultura ultimaora

Teatro in Cantina, alla “Costadoro” di Bardolino “La Vera Vita di Verossì

Verossì_Sergio_Bonometti_Impiria_(14)_web

Prosegue la quinta edizione della rassegna “Teatro in Cantina” organizzata dal Teatro Impiria, che martedì 28 luglio si sposta sulle colline del lago di Garda, tra i vigneti della Cantina Costadoro di Bardolino. Qui, alle 21,15, verrà riproposto il pluripremiato spettacolo “La vera vita di Verossì”, riadattamento in chiave narrativa del noto “Sognavamo di vivere nell’assoluto”. Scritto da Raffaello Canteri, per la regia di Andrea Castelletti, lo spettacolo vede sul palcoscenico Sergio Bonometti, appassionante e appassionato, nei panni del pittore futurista Albino Sivierio, ribattezzato Verossì da Marinetti, che racconta in prima persona la vera storia di un gruppo di giovani artisti, che negli anni Trenta del Novecento cercarono nuove frontiere nella pittura, nella musica, nella scultura e nella letteratura, aderendo con entusiasmo al movimento futurista. Sognarono di cambiare il mondo attraverso l’arte.

Il programma prevede l’inizio degli spettacoli per le ore 21,15, ma è possibile accedere alla cantina dalle 20,15 per una visita guidata; inoltre, prima dello spettacolo, dalle 20,45 verrà offerta a tutto il pubblico una degustazione vini con qualche assaggio di prodotti tipici veronesi.

Si raccomanda la prenotazione contattando il Teatro Impiria (3463566425info@teatroimpiria.net). In caso di pioggia, lo spettacolo si tiene al coperto.

Condividi con:

Articoli Correlati

Rally, il legnaghese Strabello secondo in classe 4 al “Salsomaggiore Terme”

massimo

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo