14 C
Verona
26 Maggio 2024
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

Teatro&Socialità, coinvolti oltre 75 ragazzi a Verona, Garda e Tregnago nel progetto “Ritrovarsi a teatro”

È partito anche a Verona e provincia, coinvolgendo oltre 75 ragazzi nel capoluogo, a Garda e a Tregnago, il progetto “OFF LINE. Ritrovarsi a teatro”. “OFF LINE” ha l’obiettivo di far “ritrovare” ai giovani adolescenti, attraverso i linguaggi del teatro e delle arti performative, la socialità perduta in questo difficile tempo di pandemia e di regole che hanno così pesantemente limitato occasioni e spazi di relazione e incontro. Il progetto, finanziato dalla Regione del Veneto, vede Isfid Prisma (ente di formazione accreditato presso la Regione del Veneto) come capofila accanto al partner operativo Arteven, il Circuito teatrale regionale, e ai partner territoriali accreditati a partire dalla Fondazione Aida a Verona, e poi Circolo Cultura e Stampa Bellunese società cooperativa sociale, Enaip Veneto impresa sociale, I.Ri.Gem., Job Centre, cooperativa sociale La Esse, oltre al partenariato di rete di Legacoop Veneto.

Nel Veronese sono cinque i laboratori, tutti proposti da Fondazione Aida, che da ottobre a dicembre vedono protagonisti altrettanti gruppi di giovani, in totale quasi un’ottantina di ragazzi. Partendo dal capoluogo, all’Istituto Don Mazza si tiene il laboratorio “Gioca-Immagina-Racconta”, che si propone di stimolare l’immaginario e la creatività dei partecipanti: attraverso esercizi, giochi e drammatizzazioni, saranno guidati nella riscoperta delle loro potenzialità di espressione. Al Centro Aperto Bambù, invece, nel laboratorio “Che cosa è il perdono?” i giovani saranno spinti a riflettere sul tema del conflitto e del perdono, utilizzando le tecniche teatrali come strumento nuovo di costruzione di relazioni. All’Istituto Superiore Sanmicheli, infine, “Rometta&Giulieo” porta in scena la rielaborazione, che nascerà dal laboratorio stesso, della famosa storia d’amore usando come traccia la trasposizione contemporanea dell’omonimo testo di Jadelin Mabiala Gangbo. Spostandoci in provincia, al”IIS Marie Curie di Garda si tiene il laboratorio “Inseguendo Margherita”: la traccia è il romanzo Il Maestro e Margherita di Bulgakov, dal quale scaturiscono domande sulla società e sulle sue ipocrisie che nel teatro i ragazzi cercheranno di smascherare. Mentre al Teatro parrocchiale di Tregnago il laboratorio “Uno spazio che dona identità” ha l’obiettivo di far riconoscere e sperimentare ai partecipanti, attraverso esercizi di propedeutica teatrale, la propria individualità come singoli e come parte di un gruppo.

Condividi con:

Articoli Correlati

Mezzane di Sotto, l’impoverimento della biodiversità porta ad un calo di aziende agricole

massimo

VeronaFiere, inaugurata l’ottava edizione di Vapitaly, rassegna internazionale della sigaretta elettronica

massimo

Verona, maxi controllo della Polizia Locale sugli autobus Atv: in più di 100 senza biglietto

massimo

Pallacanestro, il Legnago Basket conquista la promozione in Serie D

massimo

Verona, patto educativo con al centro la sostenibilità tra l’istituto Gresner e otto realtà della provincia

massimo

I sindacato del Veneto contro la proposta del governo di privatizzare Poste Italiane

massimo