7.7 C
Verona
22 Febbraio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Terremoto in centro Italia, la colonna dei soccorsi del Veneto pronta a partire

protezione-civile

«Tutte le Regioni erano state messe in stato di preallerta mercoledì scorso, 26 ottobre, quando si è registrata un’altra forte scossa di terremoto in centro Italia. Poi, su richiesta del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, solo Veneto e Abruzzo hanno mantenuto quel livello di allarme ed è da giorni, quindi, che la nostra colonna mobile regionale è pronta a partire».

A dirlo è l’assessore alla protezione civile della Regione, Gianpaolo Bottacin, che precisa: «Ovviamente ci moviamo solo in modo coordinato con il Dipartimento nazionale, dal quale ieri ci è stato chiesto di allertare anche le nostre unità cinofile per la ricerca di persone rimaste sotto le macerie. Manteniamo, quindi, questo livello di “stand by”, anche se fortunatamente le notizie che arrivano dalle località colpite hanno fino ad ora escluso che vi siano morti e dispersi. Se serve noi siamo pronti a partire».

Anche il Creu, il Coordinamento Regionale Emergenza Urgenza del Veneto, da cui dipendono le centrali operative Suem del 118, è stato contattato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile che ha confermato la disponibilità ad accogliere eventuali pazienti evacuati da ospedali danneggiati dal sisma e, se necessario, a inviare sul posto mezzi di soccorso.

Condividi con:

Articoli Correlati

Alta formazione, Cristiano Perale confermato alla guida dell’Its Red Academy

massimo

Verona, Università e Istituto internazionale del marmo uniti per creare un centro di ricerca per valore i rifiuti della lavorazione del marmo

massimo

Sciopero generale venerdì di tutti i settori pubblici e privati deciso dai Cobas: garantiti i servizi essenziali

massimo

San Martino Buonalbergo, colpo da 50mila euro al “10e Lotto”

massimo

Formazione, sette consigli per scegliere al meglio la scuola di inglese per i propri figli

mirco

Come le città italiane si stanno attrezzando per agevolare il nomadismo digitale?

mirco