25.7 C
Verona
21 Giugno 2024
In evidenza Politica Politica ultimaora Verona città

Tosi al Comitato Csu: «Il terzo mandato resta possibile e io sarò in corsa»

CSU-Tosi

«Il terzo mandato resta per i sindaci una prospettiva ancora possibile. In ogni caso io mi candiderò alle prossime elezioni amministrative per il consiglio comunale di Verona». Ha risposto testualmente così Flavio Tosi, nell’incontro con una cinquantina di aderenti al Comitato civico Csu Veneta, alla domanda su chi sarà il candidato sindaco proposto dalla sua lista. Al momento, quindi, Tosi considera ancora in pista la propria candidatura alle prossime elezioni amministrative del Comune.

Alle richieste incalzanti dei presenti su un’ipotesi alternativa, nel caso di impossibilità ad essere lui il candidato, il segretario di “Fare!”, non si è sbilanciato, rinviando ogni decisione al momento della reale inattuabilità della propria candidatura.

Si sono poi affrontati durante la riunione, a cui era presente anche Fabio Venturi, presidente di Agsm, sempre su sollecitazione degli aderenti alla CSU Veneta, i maggiori temi che riguardano il Comune e l’attuale amministrazione di Tosi, dalla viabilità, al traforo, dalla situazione dell’aeroporto Catullo, alla partecipazione del Comune nel capitale dell’autostrada Serenissima, dall’accorpamento delle Ulss locali, con i riflessi sul servizio sanitario ai cittadini veronesi, alla situazione delle case di riposo e soggiorno per anziani.

Per quanto riguarda la viabilità, punto dolente per chi usa auto, moto e bicicletta e per i pedoni, Tosi ha fatto sapere ai presenti che il Comune di Verona si trova con il blocco di 120 milioni a causa del Patto di stabilità, soldi realmente spendibili, ma che non possono essere utilizzati. Con molto meno di quella cifra si potrebbero tirare a lucido la gran parte delle strade cittadine.

Tosi ha fatto anche il punto sulla situazione del progetto filobus e sullo stallo del traforo delle Torricelle. Puntuali le motivazioni che hanno indotto il Comune a mantenere la propria quota di partecipazione all’interno dell’autostrada Serenissima, con una gestione ormai consegnata in mano ai privati. Verona resterebbe l’unico ente pubblico di peso con voce in capitolo all’interno dell’organo di gestione autostradale.

Completata la disamina dei vari punti sottoposti alle domande, il presidente del Comitato civico Csu Veneta, Sergio Ruzzenente, ha espresso la soddisfazione a nome di tutti i presenti per la disponibilità di Tosi all’incontro e, ricordando la stretta collaborazione che il gruppo ha mantenuto con l’attuale amministrazione del sindaco, ha espresso l’intendimento di continuare a sostenere la candidatura di Tosi anche per il futuro, a partire appunto dalla prossima campagna elettorale.

Resta ferma la volontà del Comitato civico Csu Veneta di presentare proprie liste indipendenti nella prossima competizione elettorale cittadina.

Ruzzenente ha anche rimarcato come la Csu Veneta sia l’unica formazione politica che si richiami effettivamente allo spirito di solidarietà sociale e di autonomie locali della Csu Bavarese, con buona pace di altri tardivi tentativi di politici locali che, con sigle più o meno fantasiose, tentano unicamente di creare confusione e imbarazzo negli elettori veronesi.

Condividi con:

Articoli Correlati

Villafranca, fermato un uomo per l’omicidio del 75enne

massimo

San Bonifacio, Soave fa appello all’unità del centrodestra per il ballottaggio contro Verona

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Villafranca, 75enne ucciso con un colpo di pistola durante una lite tra giostrai

massimo

Verona, presidio della Cgil sanità: «Subito le assunzioni di operatori sociosanitari e infermieri»

massimo

San Pietro in Cariano, finisce fuoristrada con l’auto: grave 70enne

massimo