29.2 C
Verona
16 Giugno 2021
Cronaca In evidenza ultimaora

Trasporti, domani sciopero di 4 ore e l’Atv avverte:«Possibili disagi»

A seguito dello sciopero aziendale di 4 ore proclamato dal sindacato Faisa Cisal per domani, venerdì 31 maggio, motivato da problematiche inerenti relazioni industriali e questioni salariali, l’Azienda trasporti Verona avverte che «non sarà in grado di garantire in modo completo l’attività durante la giornata».

Atv, inoltre, respinge le motivazioni addotte dal sindacato Faisa Cisal a sostegno dello sciopero precisando che «in merito alla lamentata mancanza di correttezza nelle relazioni industriali e al mancato coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nelle scelte aziendali, va chiarito come in Atv tutti gli organismi paritetici, previsti dagli accordi e dalle consuetudini, quali sedi deputate a regolamentare specifici aspetti del lavoro dei dipendenti, siano oggi pienamente operativi e regolarmente convocati».

Al contempo l’azienda sottolinea come «i vertici aziendali sono dotati di piena autonomia rispetto alle scelte strategiche. Va aggiunto che il particolare frangente attraversato dal settore del trasporto pubblico a Verona, con la gara per l’affidamento del servizio in corso, crea una situazione molto delicata che richiede necessariamente cautela e riservatezza nella condivisione di scelte e informazioni, per evitare di favorire potenziali concorrenti. Questo non significa che l’Azienda venga meno ai suoi adempimenti nel coinvolgimento dei rappresentanti dei lavoratori».

L’Azienda respinge fermamente anche le accuse di inadempimento rispetto agli accordi economici e normativi. A tutt’oggi infatti, Atv ha dato esecuzione a tutti gli accordi aziendali sottoscritti e, nel caso in cui questo sia avvenuto in ritardo, ai lavoratori sono stati riconosciuti gli arretrati. «Quanto alle rivendicazioni legate al miglioramento del trattamento salariale, pur trattandosi di richieste legittime da parte sindacale, in questa fase storica non possono essere considerate accoglibili dall’Azienda – continua il comunicato di Atv -. Come è stato rilevato anche in occasione degli incontri con il Prefetto, oggi il dipendente Atv gode di un trattamento economico che rispetta il Contratto nazionale di lavoro, cui si aggiungono le voci previste dall’Integrativo aziendale, il premio di risultato e, per il personale di guida, i significativi introiti derivanti dal sovrapprezzo sui biglietti venduti a bordo. Quindi, pur riconoscendo il fatto che il lavoro del conducente è oggi sempre più faticoso e stressante, in Atv è da considerarsi adeguatamente remunerato, sicuramente in linea con le realtà aziendali più virtuose del settore a livello nazionale».

Condividi con:

Articoli Correlati

Salizzole, domani il trofeo di ciclismo per giovanissimi del Gs Italo

massimo

Verona, assemblea pubblica del centro sinistra in vista delle amministrative 2022

massimo

Verona, all’Università convegno internazionale sul ruolo dell’Unione europea nel Mondo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Bardolino, Raoul Bova al Film Festival con il suo “Ultima gara”

massimo

Dazi Usa, Abbona (Unione italiana vini): «Bene la sospensione di 5 anni del contezioso»

massimo