2 C
Verona
9 Febbraio 2023
Cronaca In evidenza ultimaora

Trasporti, domani sciopero di 4 ore e l’Atv avverte:«Possibili disagi»

A seguito dello sciopero aziendale di 4 ore proclamato dal sindacato Faisa Cisal per domani, venerdì 31 maggio, motivato da problematiche inerenti relazioni industriali e questioni salariali, l’Azienda trasporti Verona avverte che «non sarà in grado di garantire in modo completo l’attività durante la giornata».

Atv, inoltre, respinge le motivazioni addotte dal sindacato Faisa Cisal a sostegno dello sciopero precisando che «in merito alla lamentata mancanza di correttezza nelle relazioni industriali e al mancato coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nelle scelte aziendali, va chiarito come in Atv tutti gli organismi paritetici, previsti dagli accordi e dalle consuetudini, quali sedi deputate a regolamentare specifici aspetti del lavoro dei dipendenti, siano oggi pienamente operativi e regolarmente convocati».

Al contempo l’azienda sottolinea come «i vertici aziendali sono dotati di piena autonomia rispetto alle scelte strategiche. Va aggiunto che il particolare frangente attraversato dal settore del trasporto pubblico a Verona, con la gara per l’affidamento del servizio in corso, crea una situazione molto delicata che richiede necessariamente cautela e riservatezza nella condivisione di scelte e informazioni, per evitare di favorire potenziali concorrenti. Questo non significa che l’Azienda venga meno ai suoi adempimenti nel coinvolgimento dei rappresentanti dei lavoratori».

L’Azienda respinge fermamente anche le accuse di inadempimento rispetto agli accordi economici e normativi. A tutt’oggi infatti, Atv ha dato esecuzione a tutti gli accordi aziendali sottoscritti e, nel caso in cui questo sia avvenuto in ritardo, ai lavoratori sono stati riconosciuti gli arretrati. «Quanto alle rivendicazioni legate al miglioramento del trattamento salariale, pur trattandosi di richieste legittime da parte sindacale, in questa fase storica non possono essere considerate accoglibili dall’Azienda – continua il comunicato di Atv -. Come è stato rilevato anche in occasione degli incontri con il Prefetto, oggi il dipendente Atv gode di un trattamento economico che rispetta il Contratto nazionale di lavoro, cui si aggiungono le voci previste dall’Integrativo aziendale, il premio di risultato e, per il personale di guida, i significativi introiti derivanti dal sovrapprezzo sui biglietti venduti a bordo. Quindi, pur riconoscendo il fatto che il lavoro del conducente è oggi sempre più faticoso e stressante, in Atv è da considerarsi adeguatamente remunerato, sicuramente in linea con le realtà aziendali più virtuose del settore a livello nazionale».

Condividi con:

Articoli Correlati

Formazione, 2.000 studenti hanno partecipato all Giornata internazionale sulla sicurezza in internet 

massimo

Cattolica trasferisce attività in Piemonte e la Cgil attacca: «Generali mostra il suo vero volto mettendo a rischio 90 posti di lavoro alla Insurecom»

massimo

Formazione, presentato il Piano Operativo Regionale “Persi, dispersi e ritrovati: le politiche per i giovani”

massimo

Negrar, i Carabinieri pedinano uno spacciatore fino a Montebello (Vicenza) per arrestarlo

massimo

Verona, sbloccato a Roma dal Cipess il progetto del Filobus con 6,73 milioni di euro di contributo in più

massimo

Verona, Adiconsum ottiene dall’Arbitro Bancario Finanziario il rimborso di 4.200 euro truffati ad un cittadino tramite sms

massimo