21.3 C
Verona
17 Giugno 2024
Basso Veronese Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora

Trasporto pubblico, tre anni di proroga e 70 milioni di investimenti da parte di ATV su autobus green, mobilità sostenibile, nuove tecnologie

Tre anni di proroga e 70 milioni di investimenti da parte di ATV per acquistare nuovi autobus green, realizzare infrastrutture per una mobilità collettiva più sostenibile, sviluppare nuove tecnologie per migliorare l’informazione e semplificare l’accesso ai mezzi pubblici. Sono i contenuti della deliberazione, presentata oggi nella sede di Atv a Verona, con cui la Provincia, in qualità di Ente di Governo del trasporto pubblico, ha prorogato nei giorni scorsi all’Azienda trasporti Verona la gestione del servizio fino al 31 dicembre 2026, in attesa di approntare la gara che individuerà il futuro gestore di tutti i servizi di trasporto, compreso il filobus.

Una decisione presa in conformità alla normativa europea e nazionale di settore, in particolare del decreto legislativo 4/2022, che prevede la possibilità di prorogare l’affidamento all’attuale gestore, qualora quest’ultimo si vincoli ad effettuare significativi investimenti orientati alla sostenibilità ed al miglioramento del servizio, tali da produrre effetti positivi anche oltre la scadenza della proroga. Ed in questa direzione è andata la proposta avanzata alla Provincia da ATV, che si è impegnata ad attuare un ampio programma di interventi di miglioramento del servizio mettendo in campo l’investimento più importante della sua storia, pari ad oltre 70 milioni, a fronte della gestione della rete per i prossimi 3 anni.

Il piano economico finanziario (PEF) presentato da ATV prevede di investire 40,7 milioni per il servizio urbano di Verona, 28,1 milioni per il trasporto extraurbano e 500 mila euro per la rete urbana di Legnago, risorse provenienti in parte da contributi comunitari e nazionali, in parte frutto di autofinanziamento dell’Azienda. L’investimento servirà soprattutto al rinnovamento della flotta, che in capo al triennio sarà interamente servita da e-bus in città e in gran parte da mezzi a metano a grande capacità in ambito extraurbano.

In programma, infatti, l’acquisto di 52 autobus elettrici per Verona che andranno ad integrare la flotta dei 38 mezzi della rete filoviaria, raggiungendo così l’obiettivo di un trasporto pubblico cittadino ad emissioni zero. Sensibile il miglioramento anche in provincia dove entreranno in servizio 85 bus, 70 dei quali alimentati a metano e 15 a gasolio. L’obiettivo è quello di arrivare coprire la maggior parte del servizio provinciale con mezzi a gas naturale e di limitare alle sole corse di rinforzo l’impiego delle residue motorizzazioni più inquinanti. Per il servizio urbano di Legnago è stato preventivato l’acquisto di un ulteriore bus elettrico.

C’è poi il capitolo delle infrastrutture. I nuovi mezzi richiedono, infatti, adeguati impianti di rifornimento, per cui ATV ha programmato la realizzazione di nuove strutture di erogazione del metano in alcuni punti strategici della provincia, e di una nuova stazione di ricarica per gli e-bus a Legnago oltre a quella già avviata per la rete cittadina nel compendio di via Avesani. Il tutto per un investimento complessivo che supera i 13 milioni.

Il piano ATV include inoltre una serie di upgrade riguardanti le tecnologie di bordo, in grado di incrementare sicurezza, efficacia della comunicazione e qualità dell’informazione all’utenza. Tra questi, il nuovo software per il monitoraggio e la gestione della flotta (AVM), l’installazione dei nuovi dispositivi per il pagamento a bordo con carta di credito, i nuovi canali informativi per gli utenti in attesa sulla rete delle oltre 5000 fermate di città e provincia.

Da evidenziare anche l’attenzione riservata all’integrazione della rete degli autobus con il futuro sistema filoviario. Il piano include già la copertura per le attività finalizzate al reclutamento e alla formazione dei conducenti dei mezzi a guida vincolata, per i quali è necessario l’ottenimento di specifiche abilitazioni alla guida.

«Ci troviamo di fronte a un passaggio epocale nella storia di ATV. Per la prima volta l’Azienda può contare su un contratto pluriennale», ha sottolineato il presidente di Atv, Massimo Bettarello. «Tutto ciò che stiamo presentando oggi è frutto di riunioni serrate e di una lunga interlocuzione tra i nostri uffici e l’Azienda, nonché di previsioni che diano la possibilità di guardare con interesse a quello che avverrà nella Verona del futuro. Il filobus ormai è una realtà, e alla conclusione di questo percorso ATV dovrà essere attrezzata per seguire questo passaggio epocale – ha detto il presidente della Provincia, Flavio Pasini -. Nel frattempo, si è cercato di colmare il divario tra la città di Verona e la Provincia; i mezzi che operano in Provincia e arrivano in centro a Verona devono essere mezzi efficienti, dal massimo dell’affidabilità e che non inquinino. Dal dialogo tra Regione, Provincia e città siamo riusciti ad arrivare a una conclusione che dà ad ATV la possibilità di andare avanti e di fare questi importanti investimenti».

«ATV è sempre stata disponibile ad accogliere le richieste per quanto riguarda il comune di Legnago. Il servizio a chiamata, partito lo scorso settembre, sta avendo un notevole successo – ha evidenziato il vicesindaco di Legnago, Roberto Danieli -. È un servizio sì sperimentale, ma proiettato verso il futuro. Che Legnago ne sia stata capofila dà atto che ci sia stata lungimiranza nella richiesta da parte dell’amministrazione, ma anche una prontezza di ATV e della Provincia nel coglierla. L’implementazione di due mezzi completamente nuovi, uno full electric e di un altro euro 6 e la sistemazione della biglietteria di Legnago, per quanto piccoli interventi, vanno a riqualificare completamente il servizio al territorio».

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, accordo per il ballottaggio tra Longhi e Danieli dopo un mese di scontri

massimo

San Bonifacio, Soave incassa il sostegno di Fratelli d’Italia in vista del ballottaggio

massimo

Legnago, operazione contro il caporalato: due arrestati e 4 indagati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Verona, tenta di entrare nella casa della compagna nonostante il divieto di avvicinamento: arrestato

massimo

Casaleone, torna il weekend della Festa della Birra

massimo