8 C
Verona
20 Aprile 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Tratta di esseri umani e sfruttamento della prostituzione: due arresti a Verona nell’operazione Nigeria

Carabinieri02

La scorsa notte, a conclusione dell’indagine denominata “Nigeria” e condotta dal  Ros e dal Nucleo Investigativo di Lecce dei Carabinieri, sono state eseguite nel territorio nazionale 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere, due delle quali in provincia di Verona, a Castel d’Azzano, a carico di un 40enne ed un 42enne, entrambi di nazionalità nigeriana.

L’indagine, diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce diretta dal dottor Guglielmo Cataldi, ha riguardato a un’organizzazione criminale, costituita prevalentemente da cittadini nigeriani di stanza in Italia, dedita alla tratta di essere umani provenienti da vari Paesi Africani, al favoreggiamento dell’ingresso di clandestini nel territorio nazionale, riduzione in schiavitù, induzione alla prostituzione, estorsione, falsità materiale in certificazione amministrativa ed altro. L’intera organizzazione, che vede altre diverse persone indagate, operava in Nigeria, Libia ed Italia con la finalità dell’immigrazione in stato di clandestinità, sfruttamento della prostituzione ai danni di donne nigeriane che venivano individuate e reclutate dai sodali in Nigeria, sottoposte a rito “Voodoo”, trasportate sulle coste libiche, venendo costrette ad alloggiare in varie località della Libia ove erano sottoposte a trattamenti inumani e degradanti, tenute sotto sequestro in capannoni sottoposti a vigilanza armata, al freddo e senza cibo, sottoposte a continue violenze fisiche e sessuali. Le donne venivano indotte a raggiungere l’Italia, dirigendosi prevalentemente a Pozzallo (RG),  imbarcandosi su barconi privi di ogni sistema di sicurezza e comunque inidonei a trasportare persone attraverso il Mediterraneo. E una volta in Italia, costrette a svolgere l’attività di prostituzione in favore delle loro madame per liberarsi del debito contratto per giungere in Europa e garantito dal rito Voodoo.

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, domenica Tosi presenta la lista di Forza Italia per le Comunali

massimo

San Bonifacio, foto sbagliata su Primo Giornale: pubblicata quella di Pimazzoni al posto di Fiorio

massimo

San Bonifacio, la Liga Veneta Repubblica sostiene il candidato sindaco Fulvio Soave

massimo

Legnago, il sottosegretario Delmastro al convegno del candidato Longhi sulla sicurezza

massimo

Legnago, quattro arresti dei Carabinieri per spaccio di stupefacenti nella Bassa

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco