21.3 C
Verona
17 Giugno 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Truffati sui siti e-commerce da Zevio a Illasi: i carabinieri di S. Bonifacio e Illasi denunciano tre persone a Pistoia e Taranto

Aveva trovato nelle inserzioni pubblicate sull’applicazione “Marketplace” di Facebook, un annuncio relativo alla vendita di uno smartphone di ultima generazione a prezzo particolarmente conveniente e si era quindi convinto a contattare l’inserzionista per ricevere ulteriori dettagli, occasione in cui, al fine di guadagnare la fiducia dell’acquirente, la venditrice riferiva, tra le altre cose, di essere la “moglie di un Carabiniere”, convincendo l’ignaro cittadino di Zevio ad effettuare il pagamento richiesto.

L’acquirente, 33enne di Zevio, non ricevendo nei giorni seguenti l’oggetto acquistato e risultati vani i tentativi di ricontattare la venditrice, si è rivolto ai Carabinieri di Zevio che hanno immediatamente effettuato tutti gli accertamenti necessari per identificare e denunciare l’autore della truffa, ovvero una donna residente in provincia di Taranto, già nota alle Forze dell’Ordine per essersi resa responsabile in passato di fatti analoghi. Contestualmente veniva richiesto anche il sequestro del denaro versato sulla carta postepay affinché possa essere restituito al legittimo proprietario.

Altra truffa quella scoperta dai Carabinieri di Illasi; alcuni malfattori nel mese di febbraio scorso, avevano individuato sul sito di e-commerce “subito.it”, un annuncio con cui un cittadino 62enne di Illasi, aveva messo in vendita 4 pneumatici al prezzo di 260 euro. Contattato l’ignaro inserzionista, i truffatori rappresentando l’urgenza di chiudere l’affare, invitavano il venditore a recarsi presso uno sportello Postamat affinché potesse ricevere immediatamente il denaro richiesto, occasione in cui, facendolo cadere in errore, lo inducevano ad autorizzare diverse transazioni di denaro verso carte postepay a loro intestate, per un totale di 1.500,00 euro. Presentata la denuncia, i Carabinieri di Illasi hanno svolto le necessarie indagini, identificando e denunciando i due soggetti autori della truffa, residenti in provincia di Pistoia.

Oltre all’attività investigativa, in questo campo, è fondamentale la prevenzione e proprio per questo motivo, i Carabinieri di Verona, impegnati in una importante campagna di sensibilizzazione contro le truffe, anche in questi ultimi mesi hanno continuato ad incontrare i cittadini in numerosi comuni della provincia, tra i quali Tregnago, Roncà, Caldiero, Negrar di Valpolicella, Caprino Veronese, Torri del Benaco, Castel d’Azzano, Povegliano Veronese, Cerea, Cologna Veneta, Zimella, Pressana oltre che nel capoluogo di provincia, occasione in cui è stato trattato anche il tema delle truffe consumate da “falsi appartenenti alle Forze dell’Ordine” o “falsi avvocati”. In questi casi, gli autori del raggiro, dopo aver reperito nomi e numeri di telefono, sono soliti contattare le vittime e spacciandosi telefonicamente per “Marescialli” o “Avvocati”, raccontano di un falso e grave incidente stradale in cui è rimasto coinvolto un loro parente, richiedendo contestualmente, “per evitare gravi conseguenze giudiziarie”, somme di denaro o preziosi che provvedono poi a ritirare personalmente presso l’abitazione della vittima raggirata.

I Carabinieri invitano sempre, in caso di dubbi, a contattare il numero di emergenza 112 o rivolgersi al più vicino Comando Stazione Carabinieri.

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, accordo per il ballottaggio tra Longhi e Danieli dopo un mese di scontri

massimo

San Bonifacio, Soave incassa il sostegno di Fratelli d’Italia in vista del ballottaggio

massimo

Legnago, operazione contro il caporalato: due arrestati e 4 indagati

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Verona, tenta di entrare nella casa della compagna nonostante il divieto di avvicinamento: arrestato

massimo

Casaleone, torna il weekend della Festa della Birra

massimo