16.4 C
Verona
19 Maggio 2024
Economia In evidenza ultimaora

Ue, Borchia (Lega): «Lo stop ai motori tradizionali apre all’invasione di auto elettriche cinesi»

«Siamo tra quelli che inquinano di meno, ma l’Unione europea fa il possibile per creare sempre più difficoltà a cittadini e imprese». L’ha affermato Paolo Borchia, europarlamentare veronese della Lega, coordinatore del gruppo Identità e democrazia in commissione per l’Industria, la Ricerca e l’Energia (ITRE), durante il suo intervento in Aula, dopo l’approvazione da parte della plenaria (340 voti a favore, 279 contrari e 21 astensioni) dello stop alla vendita di auto a motori termici dal 2035.

«Proviamo a ragionare sul futuro, pensando a due scenari. Nel primo, l’auto elettrica sarà un bene di lusso, costoso a portata di pochi. Nell’altro continuerà ad essere un bene di massa, ma le case automobilistiche cinesi avranno soppiantato i poveri produttori europei. Fantascienza? No, se pensiamo che BYD, colosso cinese dell’auto ha raddoppiato nel 2022 la sua quota di mercato. E intanto, per cercare di mantenere competitività l’industria europea si sta guardando attorno: qui, siamo a rischio delocalizzazioni, che significano disoccupazione. Giusto lavorare per inquinare meno – conclude Borchia che è anche segretario provinciale del Carroccio – ma non in questo modo».

Condividi con:

Articoli Correlati

Bussolengo, il tour sulla sicurezza nella scuola della Regione arriva all’istituto Marie Curie

massimo

Verona, incontro sul tema della diffamazione online

massimo

Soave, dalle cantine le bottiglie di Recioto per la messa di Papa Francesco a Verona

massimo

Verona, oltre 2400 fotografi in gara da tutt’Italia al “The Photo Show”

massimo

Legnago, domani e domenica la mostra di pittura di Monica Saggioro alla Cascina del Parco

massimo

Maltempo, il Guà rompe gli argini e allaga i campi del Basso ed Veronese. La Cia: «Da anni gli agricoltori denunciano il pericolo»

massimo