8 C
Verona
7 Dicembre 2022
ultimaora

Università, inaugurata a Trento la sede del nuovo corso di laurea in Medicina e Chirurgia

Si è tenuta oggi a Trento l’inaugurazione, al termine dei lavori di restauro di Palazzo Consolati, della sede stabile del nuovo corso di laurea magistrale a ciclo unico interateneo in Medicina e Chirurgia attivato dall’Università di Trento con l’Ateneo di Verona.

La cerimonia è avvenuta al termine dei lavori di restauro di un palazzo ricco di storia, nel cuore della città, che hanno reso la struttura funzionale alle esigenze didattiche. Già da qualche giorno studenti e studentesse e personale docente e tecnico e amministrativo hanno lasciato il Collegio Bernardo Clesio di Via Santa Margherita, sede nelle prime settimane di lezione, per trasferirsi a Palazzo Consolati in Via Santa Maria Maddalena. Gli studenti e le studentesse iscritti/e sono 60, di cui 31 donne. Sul totale, 41 sono residenti in Trentino Alto Adige (36 in Trentino e 5 in Alto Adige). Un gruppo consistente (16) arriva dal Veneto. Ci sono poi tre provenienze singole da Lombardia, Sicilia e Sardegna. Ben 47 immatricolati/e in fase di iscrizione alla prova selettiva avevano indicato Trento come prima scelta. I posti disponibili erano 60.

Erano state 675 le iscrizioni per sostenere in settembre a Trento il test d’ingresso nazionale per l’ammissione. Delle 675 candidature, 450 avevano indicato l’Università di Trento come sede di prima scelta dove studiare Medicina e Chirurgia (360 di loro avevano affrontato la prova a Trento Fiere, gli altri in altre città). Chi l’ha superata, oggi è alle prese con Biologia generale, Chimica e propedeutica biochimica, Fisica medica e Informatica per la medicina e in alcune videointerviste racconta le motivazioni e quanto l’emergenza Covid-19 abbia influito sulla scelta, mentre i docenti esprimono già impressioni positive sull’impegno dimostrato nello studio.

L’inaugurazione è stata organizzata in videocollegamento su Zoom con la partecipazione in presenza limitata a poche persone. A tagliare il nastro il rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini, con il rettore dell’Università di Verona, Pier Francesco Nocini, assieme al presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti.

Condividi con:

Articoli Correlati

Cerea, con la moto contro un’auto: un ferito grave a San Vito

massimo

S.Bonifacio, l’ex ospedale passerà al Comune che darò all’Ulss il terreno per la Casa della Comunità

massimo

Legnago, oltre 80 imprenditori alla serata organizzata dall’europarlamentare Borchia sule politiche Ue per l’energia

massimo

Verona, incidente tra due auto in corso Cavour con un ferito grave

massimo

Sona, finisce con l’auto contro un albero: è in gravi condizioni

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco